02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

I Viaggi Di Repubblica

Umbria: il Sagrantino elegante autoctono ... Strano destino quello del Sagrantino. Per decenni è stato confinato a vino poco più che di paese, poi grazie soprattutto al giovanissimo team della Arnaldo Caprai-Valdimaggio e alla passione imprenditoriale di Marco Caprai è diventato vino di grandissimo richiamo. Insieme a questa cantina tutto il terroir di Montefalco e dintorni è cresciuto da quando si è cominciato a produrre il Sagrantino nella versione secco e non più solito passito per essere il vino delle feste. Così altri giovani produttori come Antonelli, come gli Adanti e grosse imprese come Sai-Agricola con l’etichetta Colpetrone o antiche dinastie come Scacciadiavoli hanno cavato da questo vitigno il meglio. E il successo di questo rosso umbro di remotissima e in parte ancor misteriosa origine ha attirato investimenti di importanti produttori. Ebbene all’apice del successo del Sagrantino qualche estensore di guida – in vena di giudizi più sul carattere del produttori che sui prodotti – ha snobbato il rosso umbro in questo momento più rappresentativo. Una sorta di memento mori ? Può darsi, anche se opinabile. Comunque, il Sagrantino è e resta uno degli autoctoni di maggior valore. Talmente peculiare da essere inconfondibile carico di ricordi di prugna e di mora, tannico eppure elegante, grande ma non grosso. Su cucina invernale di carni e di bolliti, di funghi e di insaccati, di formaggi duri è splendido. Appartiene alla ristretta elite dei vini di nerbo e di frutto come l’Amarone.

Le aziende - Caprai: l'eccellenza in bottiglia (le guide premiano il "25 Anni" di Caprai che è un vino d'eccezione, ma il Collepiano, Sagrantino d'annata non ha nulla da invidiare in eleganza la fratello maggiore ...); Antonelli: tannico ma fine; Colpetrone: spiccata ciliegia; Antano: i piccoli cru crescono

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli