02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

I Viaggi Di Repubblica

Trentino: il piccolo Maso cresce ... Solo in rare occasioni questa rubrica si sofferma sulla produzione di una singola cantina. Ma l’eccezione stavolta è dovuta al fatto che il Trentino degli spumanti sta facendo enormi progressi qualitativi. E se le cantine Ferrari (famiglia Lunelli) rappresentano il top della spumantistica italiana (il loro Giulio Ferrari riserva del Fondatore rimane una tra le bottiglie più importanti fuori dello Champagne), se colossi cooperativi come Cavit e MezzaCorona (l’una con il Graal, l’altra con il Rotari) hanno ormai conquistato il mercato di fascia media pur producendo buoni metodo classico a prezzi competitivi, se la Cantina La Vis ha riportato in alto un’etichetta storica come Cesarini Sforza, va salutata come un fatto positivo la scelta di piccoli vignaioli di percorrere la non facile strada (per impegno sia tecnico che finanziario) del produrre bollicine. E’ il caso di Antonio Stelzer e della moglie Roberta che hanno puntato tutto sugli spumanti ingaggiando un giovane enologo Matteo Ferrari coadiuvato da un profondo conoscitore della tecnica degli spumanti Antonio Sperandio. E così Maso Martis, una ventina di ettari sulle colline di Trento e un antico maso sapientemente restaurato, in dieci anni ha conquistato importanti risultati qualitativi, soprattutto con il rese e con il brut. Ma l’azienda punta moltissimo come il moscato rosa e lo chardonnay passito: vini di grande eleganza da fine pasto. Di livello anche il pinot noir tranquillo vinificato in rosso ...

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli