02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL DATO

Il Belpaese chiude il 2019 con oltre 53,4 milioni di ettolitri di vino “di scorte”

I dati “Cantina Italia al 15 dicembre 2019”. Oltre la metà del vino è Dop, e si trova nelle Regioni del Nord
CANTINA, CANTINA ITALIA, SCORTE, vino, Italia
Nella cantina di Cavaion Veronesi di Umberto Cesari, l’arte incontra il vino direttamente sulle barriques

La fine dell’anno, tra cenoni e brindisi, è un momento topico per il consumo di vino e per il fatturato delle cantine Belpaese. Ma di scorte ne restano eccome: al 15 dicembre 2019, nelle aziende d’Italia, erano a dimora 53,4 milioni di ettolitri di vino, 10, 6 di mosti e 8,5 di vino nuovo ancora in fermentazione, con una situazione molto simile a quella della stessa data del 2018. A dirlo il bollettino “Cantina Italia” dell’Icqrf (Ispettorato Controllo Qualità e Repressioni Frodi), su dati del registro telematico. Il 51% del vino detenuto è Dop, con una prevalenza del rosso (50,5%). Il 27,1% del vino è a Igp, anche qui con prevalenza del rosso (53,4%), mentre i vini varietali detenuti costituiscono appena l’1,4% del totale. Il restante 20,6% è costituito da vini da tavola, mentre i vini da agricoltura biologica rappresentano il 6,5% del totale.

I dati, inoltre, confermano i trend registrati nel 2019, con le Regioni del Nord che detengono il 59% del vino nazionale, Veneto in testa con 13,3 milioni di ettolitri, mentre le prime 10 denominazioni per volume (nell’ordine Prosecco Doc, Igp Terre Siciliane, Doc Sicilia, Igp Puglia, Doc delle Venezie, Igt Veneto, Igt Salento, Igt Toscana, Igt Rubicone e Montepulciano d’Abruzzo Doc) che costituiscono oltre il 42% dei vini a denominazione.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli