02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA VENDEMMIA DELLE MELE

Il caldo anticipa la “vendemmia delle mele”: la produzione italiana in calo del 3% sul 2018

I dati di Coldiretti fotografano un settore in crisi in tutta Europa: il primo produttore Ue, la Polonia, stima un -44% sull’anno precedente
Coldiretti, MELE, RACCOLTA, Non Solo Vino
Il caldo record segna il via della “vendemmia delle mele” in Italia

Le temperature record di quest’estate hanno segnato l’inizio della “vendemmia delle mele”, il frutto più consumato in Italia, che però vede la produzione calare drasticamente in tutta Europa. In Italia, secondo coltivatore di mele in Ue, la Coldiretti stima che il calo tocchi il 3% rispetto allo scorso anno, pari a 2,2 milioni di tonnellate nel 2019, ma in Polonia, primo produttore europeo, il calo toccherebbe addirittura il 44% sul 2018, con soli 2,7 milioni di tonnellate prodotte. Al terzo posto la Francia, che con le sue 1,7 milioni di tonnellate registra invece un incremento di produzione del 12%.
Tornando all’Italia, l’andamento del raccolto, evidenzia la Coldiretti, varia lungo la Penisola, visti anche i problemi causati dall’ondata di maltempo in alcune regioni del Nord, con una produzione stabile di circa 991.000 tonnellate in Alto Adige, dove si produce la metà delle mele Italiane, un calo a 519.000 (-8%) in Trentino, come anche in Veneto che scende a 199.000 e viene sorpassato al terzo posto con 203.000 tonnellate dal Piemonte (-1%) seguito dall’Emilia Romagna con 171.000 (-4%), dal Friuli Venezia Giulia con 42.000 (-1%) e dalla Lombardia che fa segnare un aumento del 16% per un totale di oltre 30.000 tonnellate. L’Italia, precisa la Coldiretti, può vantare un’ampia gamma varietale nell’offerta di mele grazie al rilevante patrimonio di biodiversità lungo tutta la Penisola con ben 5 mele italiane a denominazione di origine riconosciute dall’Ue: Mela Val di Non Dop, Mela Alto Adige Igp, Melannurca Campana Igp, Mela Valtellina Igp, Mela Rossa Cuneo Igp.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli