02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ANALISI

Il dipendente agricolo in Italia: operaio, uomo, a tempo determinato e sopra i 35 anni

Osservatorio sul lavoro agricolo Nomisma: crescono i lavoratori stranieri, ma il lavoro è sempre più precario. 3 aziende su 4 non assumono dipendenti

Operaio a tempo determinato, uomo, di oltre 35 anni di età: ecco l’identikit del dipendente agricolo in Italia, che emerge dall’analisi dell’Osservatorio sul lavoro agricolo, curato da Nomisma (e presentata nell’evento “Il lavoro agricolo tra innovazione e sostenibilità: l’aggiornamento delle attività lavorative del settore primario nell’Atlante del Lavoro e delle Qualificazioni”, organizzato dall’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche - Inapp e dall’Ente Bilaterale Agricolo Nazionale - Eban). Che evidenzia come il settore sia sempre più precario, con un aumento costante dei lavoratori stranieri rispetto ai colleghi italiani.

La prima parte dell’indagine si è soffermata sulla struttura, le caratteristiche e i trend del lavoro agricolo nel Belpaese, con particolare riferimento alla forza lavoro dipendente. In Italia sono 1.088.034 i dipendenti in agricoltura (tra full time, part time e stagionali), in maggioranza di genere maschile (68%). Le aziende che occupano manodopera dipendente agricola sono 183.057, e, in media, assumono 5,9 dipendenti. Si tratta del 26% del totale delle aziende agricole attive in Italia iscritte alle Camere di Commercio (703.316). I tre quarti delle aziende agricole presenti in Italia, quindi, non assumono dipendenti.

Una specificità del lavoro agricolo rispetto ad altri settori è la limitata presenza di figure professionali - impiegati, quadri e dirigenti - che rappresentano appena il 4% dei dipendenti del settore. Il Nord Italia è il principale bacino di occupazione di queste tre figure professionali, assorbendone il 53%, contro il 21% del Centro e il 26% del Sud. A indicare una maggiore professionalizzazione delle nostre imprese agricole, impiegati, quadri e dirigenti impiegati in agricoltura hanno subito un incremento complessivo del 6% nel periodo 2015-2020, registrando un +1% nel 2020 rispetto al 2019, nonostante la pandemia.

Tuttavia, nel settore primario, prevale nettamente l’impiego degli operai, che sono, infatti, ben il 96% sul totale dei dipendenti, contro l’86% del turismo, il 78% delle costruzioni e il 64% del manifatturiero (la media nazionale del totale economia è pari al 55%). Conseguentemente, gli operai occupati in agricoltura incidono per il 12% sul dato complessivo nazionale, mentre le relative ore lavorate rappresentano il 6% del totale attività economiche.
Le differenti quote sono riconducibili al fatto che la manodopera agricola è per la stragrande maggioranza impiegata con contratto a tempo determinato (90%), contro una media nazionale del totale economia decisamente più contenuta (30%). Un altro settore in cui è rilevante la presenza del tempo determinato è il turismo, nel quale, però, la quota di operai a tempo determinato si ferma al 52%. In termini di giornate di lavoro medie per operaio, l’agricoltura registra per gli operai a tempo indeterminato un valore pari a 251, di poco superiore alla media nazionale (242), mentre per gli operai a tempo determinato il numero medio di giornate lavorate nel settore primario è nettamente inferiore alla media del totale economia: 90 su 112.

Focus - Produzione agricola e principali comparti del settore

La produzione agricola italiana è incrementata, negli ultimi 10 anni, del 26%, passando da 48 a 60,4 miliardi di euro. Dopo una lieve flessione nel 2020 (-2,4% rispetto al 2019, con una ricchezza generata dall’agricoltura di 55,7 miliardi di euro), il 2021 ha registrato una confortante risalita (+6%). I principali comparti agricoli del 2020 sono l’ortofrutticolo (25% sul valore della produzione 2021), le carni e uova (19%), la vitivinicoltura (9%) e i seminativi (9%), cui si affiancano le attività di supporto (7%) e secondarie (7%), anche se alcune di esse, in particolare l’agriturismo e le attività ricreative e sociali, hanno fortemente risentito dell’effetto Covid19.


Focus - Lavoratori stranieri agricoli in Italia: crescono i non comunitari

Parallelamente la componente degli stagionali si rafforza grazie alla crescita della presenza di lavoratori stranieri. La stima Nomisma 2020 del numero di lavoratori dipendenti stranieri regolari (iscritti all’INPS) in agricoltura è pari a 329.894, con un’incidenza sul totale in Italia pari al 31%. L’agricoltura detiene, infatti, una quota rilevante di manodopera straniera presente nel Paese rispetto agli altri settori economici privati (8% del totale lavoratori non comunitari e 11% di quelli comunitari).

Nel periodo 2010-2020 la crescita è stata molto elevata per i lavoratori stranieri non comunitari (+85%); viceversa, la componente comunitaria, dopo un lieve aumento nel periodo 2010-2015, mostra complessivamente nel 2010-2020 una consistente riduzione (-32%). Questo dato è confermato anche dall’ultimo anno, con i primi che crescono del +5%, e i secondi che calano del -16% (per una variazione complessiva della componente straniera del -3%).
Fra i fattori che hanno contribuito al calo, si segnala sicuramente la difficile situazione legata alla pandemia, che ha ostacolato i movimenti Italia-estero ed anche all’interno delle penisola. Per effetto della loro forte crescita i lavoratori non comunitari sono attualmente la maggioranza fra gli stranieri (67% sul totale stranieri) rispetto ai comunitari. Fra i non comunitari, prevale la provenienza africana, in particolare dai paesi del Nord (Marocco e Tunisia) e dell’Ovest del continente (Senegal, Nigeria e Mali), cui si affiancano quote rilevanti di lavoratori dell’Est Europa non comunitari (Albania e Macedonia) e asiatici (India e Pakistan). Il 92% dei lavoratori comunitari, invece, è rappresentato dai comunitari dell’Est che per la stragrande maggioranza sono rumeni (71%). Meno significativo il contributo di polacchi, bulgari e slovacchi.

Focus - Gli effetti della pandemia sul lavoro agricolo in Italia

La pandemia ha prodotto i suoi effetti anche nel settore agroalimentare. Nel 2020, infatti, il numero di operai in agricoltura è calato del -0,7% rispetto all’anno precedente, così come anche il numero delle giornate lavorate (-1,3%). Il Covid-19 ha penalizzato pressoché tutti i settori con un calo complessivo a livello nazionale del -3,3%. Questa dinamica interrompe un periodo positivo di crescita: nel 2010-2020, infatti, si è registrato un incremento del +2% degli operai e del +6% delle relative giornate lavorate. Inoltre, nel corso degli ultimi anni, si è assistito anche ad un recupero dell’impiego di operai a tempo indeterminato, significativamente calati nel precedente periodo 2013-2017, a dimostrazione di positivi segnali di riduzione della precarizzazione del lavoro agricolo. E’, pertanto, possibile, che superato lo shock Covid-19, il trend si consolidi ulteriormente.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli