02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
INVESTIMENTI

Il fondo di private equity Made in Italy Fund acquisisce la maggioranza di Xtrawine

La piattaforma di e-commerce del vino, che nel 2020 ha fatturato 10,8 milioni di euro, adesso prepara lo sbarco negli Stati Uniti
E-COMMERCE, FONDO, INVESTIMENTO, MADE IN ITALY FUND, XTRAWINE, Italia
Xtrawine, tra i leader dell’e-commerce enoico

Made in Italy Fund, il fondo di private equity promosso e gestito da Quadrivio & Pambianco, ha deciso di rafforzare la propria presenza nel mercato wine tramite l’ingresso nel settore dell’e-commerce vinicolo. Il fondo ha infatti acquisito la maggioranza di Xtrawine, piattaforma premium specializzata nella vendita e nella distribuzione di vini nel canale online, fondata nel 2009 a Forlì da Alessandro Pazienza, Stefano Pezzi, Francesco Rattin e Massimo Pompinetti, che distribuisce oggi oltre 8.000 etichette di vino, italiano e internazionale. Il management attuale continuerà a gestire l’azienda che, nel 2020, ha segnato una crescita del 100% con un fatturato di 10,8 milioni di euro, di cui oltre la metà generato all’estero, in particolare a Hong Kong, Regno Unito, Germania e Francia. Nell’anno, l’ebitda è stato di 0,5 milioni di euro, ma non si è ancora a conoscenza delle cifre dell’operazione.
Xtrawine rappresenta il decimo investimento di Made in Italy Fund, il fondo che investe nelle eccellenze del made in Italy e che attualmente ha in portafoglio anche Prosit per il food & wine. L’investimento, supportato dall’ottimo posizionamento competitivo e dall’orientamento internazionale dell’azienda, ha come obiettivo la creazione di un player di settore internazionale. Attualmente Xtrawine si rivolge principalmente al mercato Business to Consumer, e l’acquisizione della società da parte di Made in Italy Fund è volta a promuovere e rafforzarne il posizionamento, sostenendo lo sviluppo del business a livello internazionale. In un’ottica di espansione sono previste aperture commerciali anche in Svizzera e nel Regno Unito. Tra le leve per lo sviluppo vi è anche la volontà di continuare a investire in tecnologia, rafforzando la piattaforma web già altamente performante e flessibile, in grado di offrire un sistema di rating per i prodotti e di comparazione prezzi, oltre a una serie di servizi al cliente e contenuti on topic. Il management attuale rimarrà all’interno dell’azienda, garantendo una continuità gestionale, affiancato dal Fondo e supportato da nuove figure specializzate, che verranno inserite nel team.
“Investire in una digital company specializzata nella vendita online di vino è per noi una doppia soddisfazione. Come Made in Italy Fund da tempo crediamo e investiamo nel settore vitivinicolo, certi delle sue immense potenzialità. Al contempo riteniamo fondamentale per le nostre aziende investire nella digitalizzazione e nelle nuove tecnologie. Questo investimento ci permette di coniugare i due mondi e di creare un player leader nella vendita online delle migliori etichette, italiane e non”, commenta Walter Ricciotti, managing partner di Made in Italy Fund. “Si tratta di una felice e inaspettata unione. Sin da subito abbiamo percepito con il Fondo una comunione di intenti e di strategie che ha reso fluido tutto il processo di partecipazione societaria. In questi ultimi undici anni abbiamo lavorato tanto, abbiamo affrontato tante difficoltà e vinto sfide che sembravano insuperabili. Abbiamo ambizioni forti e necessitiamo di un partner forte, siamo convinti di averlo trovato in Quadrivio & Pambianco. Entrambi abbiamo una visione globale del business e metteremo a fattor comune, sin da subito, tutto il reciproco Know How per avviare un piano di internazionalizzazione che vedrà il Brand Xtrawine sempre più forte in Europa e in Asia. Non da ultimo, confidiamo di aver trovato il partner per realizzare il nostro più grande sogno, aprire una sede in Usa”, ha aggiunto Alessandro Pazienza, Ceo Xtrawine.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli