02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Giornale

Ditelo con le Cuvée speciali. Un consiglio su tutti: pasteggiare con le bollicine e passare al moscato al momento del panettone ... Una verità, esaltante: le bollicine di Bellavista, Ca’ del Bosco e Ferrari valgono le migliori di Francia. Una seconda, desolante: volendo il massimo, meglio stappare champagne, perché non si sbaglia mai. Due i motivi: le grandi maison di Reims e dintorni superano per numero le grandi cantine italiane e le stesse producono di più, l’anno scorso 262 milioni di bottiglie contro circa 16 di metodo classico ... Curioso notare come molte cantine italiane importino uno champagne: per esempio la Batasiolo (tel. 02/58430637) importa il Bricout (assaggiare la Cuvée brut Blanc de Blancs), Fazi Battaglia (tel. 06/844311) il Nicolas Feuillatte (puntate sulla Cuvée Speciale Premier Cru), Martini & Rossi (tel. 011/81081) il Pommery (da applausi la Cuvée Louise), Pasqua (tel. 045/8402111), il Tarlant (provare la Cuvée Louis) e la Ruffino (tel. 03029721) il Mailly (il Grand Cru Millésime 1996). Si torna agli importatori con Bollinger (Meregalli, tel. 0392/301980), Jaquart (Rinaldi, tel.051/379202), Jaquesson & Fils (Va.Ma, tel. 035/787709) e Bruno Paillard (Cuzziol, tel. 0438/456550).

Tiratura limitata made in Italy

Fama incontrastata per il Prosecco Aneri che pure quest’anno si conferma tra i più celebri e celebrati dagli chef internazionali. Con la novità di una produzione limitata a 68 mila bottiglie di un cru proveniente dall’azienda agricola Eden di Treviso. Prezzo di ogni bottiglia, 12 euro, nelle migliori enoteche.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli