02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Giornale

Alcol al volante. Ma inasprire quei limiti serve davvero? ... Risponde il direttore...
Caro direttore, ancora una volta, nel riferire dell’ennesimo gravissimo incidente stradale (Cesano Maderno), tutti i giornali aprono i titoli con la parola “ubriaco”. È davvero diventato un disco rotto: una volta, in tutti i casi, si denunziava la velocità eccessiva; ora è di moda mettere alla gogna l’ubriaco, anche quando l’ubriachezza non c’è o c’entra poco o niente. Ed è proprio questo il caso dell’autore dello scempio di Cesano, del quale i Carabinieri hanno dichiarato che superava “di poco” il limite consentito. Ora, qui occorre fare chiarezza. I limiti fissati per determinare l’eccesso illecito dell’assunzione di alcol sono così ridicolmente bassi, che si trova in difetto anche chi abbia bevuto a cena un paio di bicchieri di vino: una cosa che è abituale per la stragrande maggioranza delle persone, senza che nessuna possa dirsi ubriaca. Ridurre ancora quei limiti non serve
a nulla, salvo vessare inutilmente le persone; bisogna invece affinare i metodi di controllo e inasprire le sanzioni.
Emilio A. Macchi Alfieri - via mail

Siamo fatti così: siccome è difficile aumentare i controlli, siccome quando qualcuno viene beccato,
perlopiù la passa liscia e viene perdonato dal giudice cerchiamo di tranquillizzare l’opinione pubblica inasprendo oltremodo le leggi e fissando limiti sempre più bassi. Ma lo sappiamo tutti che l’ondata proibizionista dura poco e serve a nulla. L’unico risultato, infatti, è che d’ora in avanti praticamente tutti quelli che si mettono al volante dopo cena saranno fuori legge: tutti colpevoli, dunque nessun colpevole.
Non è perfetto? Esultano gli astemi. E i veri delinquenti.
Mario Giordano

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli