02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Giornale

Il nuovo lusso è una carota ... Basta ori, effetti speciali e prodotti costosi, in cucina trionfano purezza e semplicità. Cinquanta chef ne discuteranno da oggi al congresso di Identità Golose a Milano... Sesta edizione da questa mattina - e fino a martedì -, di Identità Golose, congresso di cucina e pasticceria d’autore al centro congressi di via Gattamelata a Milano. Edizione numero 6, ma è come se si fosse di nuovo alla prima, quando i relatori furono 18 appena contro gli attuali 53. Sta cambiando il mondo a tavola e gli chef, ovunque, devono avere idee e orizzonti nuovi. Un po’ sulla spinta della crisi economica - è più difficile rinunciare a una suoneria che a un risotto con i fiocchi - e un po’ perché c’è una reale richiesta di una qualità diversa, basata più sulla materia prima che sulla spettacolarizzazione delle tecniche e l’ostentazione del lusso tutto oro.
L’alternativa oggi è tra carota e caviale, pane e brioche, diaframma e foie gras, tra due diverse ricchezze. Con un imperativo: non si tratta di stabilire se è “meglio vivere da ricchi o sopravvivere da poveri”. Bisogna invece domandarsi “cosa ci appaga di più? Come spendere bene i nostri soldi?”, e alla fine si concluderà chela gioia di un pasto nasce da un ortaggio di primordiale qualità e anima, da un pane che sarà ancora buono tre giorni dopo, da una carne viva, che fa sangue e genera forza, da un olio che è “nato sulla pianta”, da una pasta che possiamo tornare a gustare in bianco perchè ha sapore in sé...

Il nuovo splendore è scandito da oggetti diversi. Nella vetrina del meglio entrano gioielli che fino a ieri consideravamo poveri: una signora carota, un signor pomodoro, un formaggio diverso da forma a forma, un vino vero... per produrre i quali bisogna riconoscere all’intera filiera dignità: un giusto guadagno. Identità Golose 2010, proponendo come tema il Lusso della Semplicità, da intendersi come essenzialità, un lusso che va oltre la ricetta e pone attenzione alla produzione, alla salute e all’ambiente, al rispetto sociale fino a una profonda conoscenza della nostra storia, liberandola da quelle tradizioni dettate dalla povertà. Dobbiamo poter scegliere. Mangiare povero perché poveri (a volte di testa) è un condanna, non un piacere.
Non si tratta però di camminare all’indietro, ma di andare nel futuro inventando ma pure interpretando il meglio del passato e rielaborandolo con le tecniche più attuali. In fondo avviene in tanti altri campi, vedere il design
e la moda. Nessuno rinuncerebbe in nome dell’Ottocento al telefonino, al
servosterzo e all’aria condizionata, alle lenti a contatto, all’lPod, a internet... Cuochi, ristoratori, pasticcieri, artigiani, giornalisti, amministratori devono però sforzarsi di fare sistema, di difendere le eccellenze e dare loro valore, di impegnarsi a spiegare perché la ristorazione di alta qualità, nonostante stia liberandosi degli orpelli che fanno reggia di Versailles, conserva costi elevati e imperativi particolari.

La semplicità che la cucina sta cercando, ha alle spalle una incredibile complessità strutturale, produttiva e culturale. Nuovo lusso e nuovi piaceri, ma anche nuove teste perché quando Salvatore Tassa, ad Acuto in Ciociaria, ti porta a tavola un piatto di verdure cotte, per capire che saranno le migliori della tua vita devi gustarle, ma quanti si sentirebbero presi in giro a parlare di lusso davanti ad una carota?

A Milano, con Emilia Romagna Regione ospite e la Slovenia Paese ospite, si ritroveranno Alajmo, Bottura e Cedroni; Ducasse, Leung e Patterson; Cannavacciuolo, Assenza e De La Osa; Petrini, Gares e Oldani; Gorelli, Kavcic e Caputo; Grippa, Scarello e Berton; Poi, Esposito e Cuttaia; Uliassi, Romito e Tassa; Alija, Bettini e tutti coloro che sono mossi dalla voglia di confrontarsi, insegnare e imparare. La stessa pausa di due anni, 2012 e 2013, che Ferran Adrià si concederà per uscire da un mondo e crearsene uno nuovo, è un invito per tutti a pensare in grande.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli