02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Mattino

Nel Chianti- Bottiglie di vino come pellicce
custodite in caveau ... Il visone e lo zibellino dal pellicciaio di fiducia per conservarli meglio durante l’estate, il Chianti e lo Chardonnay nel caveau della cantina che li ha prodotti. Nel mondo del vino le aziende affilano le armi ed offrono nuovi servizi per conquistare e conservare i clienti più prestiosi in grado di fare tendenza. Così oggi si inaugura il primo caveau per bottiglie di pregio, 60 teche dal costo iniziale di 100 euro l’una, costruito a Gaiole in Chianti nell’azienda Le Capannelle di proprietà del magnate del trasporto marittimo James B. Sherwood, presidente della Sea Containers con sede a Bermuda.
L’inaugurazione coincide con i 25 anni di attività delle Capannelle e si annuncia come un evento mondano davvero speciale per il quale sono state anche prodotte 8000 bottiglie di un rosso, assemblaggio di annate dal 1993 al 2000 di sangiovese e cabernet sauvignon elevati in barrique.
Come funziona il caveau? Di ogni annata vengono conservate 3000 bottiglie destinate alle verticali presenti nelle carte dei vini di privati come Donald Trump, Alain Delon, Elton John e Frank Sinatra o di ristoranti del calibro dell’Harry’s Bar di Londra, 21Club e Le Cirque a New York, Pinchiorri a Firenze, la Capannina e il Quisi a capri, Peck a Milano, Marchesi ad Erbusco, San Domenico di Imola. Dopo aver prenotato la teca bisognerà avere in deposito almeno 48 bottiglie di una o più annate prodotte dall’azienda. All’uscita della nuova vendemmia si aggiungono le nuove che possono pagarle subito bloccando il prezzo o al momento del ritiro ad un prezzo pattuito in base al tempo di giacenza. Umidità e temperatura sono registrate costantemente da un oscillagrafo che consente di certificare con grafici settimanali le condizioni di conservazione del vino.
Il servizio apre la strada ad un nuovo rapporto tra gli appassionati e le aziende di qualità sinora inesistente in Italia. Conservare il vino in un caveau aziendale non è un vezzo esagerato da monomaniaci, ma la condizione ottimale per mantenerlo negli anni e, per le grandi bottiglie, la garanzia della qualità del prodotto nel momento in cui viene stappato. E solo se si hanno cantine personali ben attrezzate e a temperatura e umidità controllate si può avere la stessa garanzia.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli