02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
“LE SOSTE” 2020

Il meglio della cucina d’eccellenza Made in Italy celebrata con i “Premi Speciali” by “Le Soste”

Tra i premiati nell’edizione 2020 Enrico Bartolini (all’innovazione), Ciccio Sultano (alla sostenibilità) e Il Luogo di Aimo e Nadia (experience)

Al pluristellato Enrico Bartolini, lo chef più stellato d’Italia, il Premio Franco Ziliani (Berlucchi) all’innovazione, mentre a Il Luogo di Aimo e Nadia il Premio Experience Pommery; allo chef siciliano Ciccio Sultano il Premio Le Soste per la Sostenibilità, mentre il Premio Le Soste Ospitalità di Sala a Vincenzo Donatiello, direttore di sala dello stellato Piazza Duomo di Alba; e ancora a Luisa e Angelo Valazza, del ristorante Al Sorriso (Novara) il Premio per la Tutela del Patrimonio del Gusto, e se il Best Wine Estates of Eataly è stato vinto dall’Azienda Agricola San Salvatore 1988, realtà vitivinicola del Cilento, il Premio Franco Colombani è stato assegnato a Mirko Benzo: ecco i vincitori dei Premi Speciali firmati da “Le Soste“, assegnati in collaborazione con aziende e associazioni partner, per valorizzare personalità o realtà imprenditoriali che si sono distinte nel panorama food & wine di eccellenza. Come da tradizione, anche in questa edizione, i Premi Speciali sono stati presentati con la Guida “Le Soste“ 2020, decalogo della ristorazione d’eccellenza che riunisce tra le sue pagine le più prestigiose insegne del Belpaese e d’Europa: 93 ristoranti 87 distribuiti dal Trentino Alto Adige alla Sicilia, e 6 presenze all’estero, in Lussemburgo, Principato di Monaco, Slovenia e Svizzera, in cui fanno il loro ingresso sette nuovi Soci, il Ristorante Sarri, ad Imperia, D’O di San Pietro all’Olmo (Cornaredo, Milano) dello stellato Davide Oldani, il Nostrano (Pesaro), il Pascucci al Porticciolo (Fiumicino, Roma), il Tordomatto (Roma) e Villa Maiella (Guardiagrele, Chieti), firmata dall’omonima associazione, guidata da Claudio Sadler, che dal 1982 è impegnata nella promozione e valorizzazione dei migliori ristoranti di cucina italiana. E, a due anni dalla sua scomparsa, celebra con un omaggio speciale il Maestro Gualtiero Marchesi, padre fondatore de “Le Soste“.

Edizione, come sempre dedicata alla cucina italiana, che è anche cultura: per questo, ad aprire il volume di quest’anno una doppia pagina a raccontare e suggellare l’accordo siglato nel dicembre 2019 dall’Associazione con il Comune di Milano e Sogemi Mercato Alimentare Milano, con lo scopo di promuovere la filosofia del fresco nel nostro patrimonio agroalimentare. Un programma che appare di assoluta importanza e contemporaneità nel quadro della situazione causata dal Coronavirus, dove ogni azione di promozione della cultura enogastronomica risulta fondamentale per la salute stessa dei cittadini. E anche una sezione dedicata a Fipe-Federazione Italiana Pubblici Esercizi, che descrive la finalità dell’accordo che ha portato “Le Soste“ a partecipare alla Fipe, con la comune finalità di tutelare e promuovere la ristorazione, settore primario dell’economia italiana, fondamentale per la valorizzazione di turismo e cultura agroalimentare sul territorio.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli