02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Messaggero

Tocai & Wine Show & Gambero Rosso ... E' sempre un momento topico, questo. Per l’uscita delle guide, s’intende: con i consumatori pronti ad andare in enoteca o al ristorante col breviario alla mano, alla ricerca dell’etichetta con la coccarda. Gli stessi consumatori che vivranno uno spazio tutto loro il 16 novembre quando, nell’ambito del Salone del Vino, che si inaugurerà proprio in quella data presso il Lingotto Fiere di Torino, si svolgerà il Wine Show, giornata esclusivamente agli appassionati: che avranno modo di partecipare a degustazioni guidate piuttosto che a incontri con i produttori, oppure intrattenersi con spettacoli legati al vino e alle sue interazioni con la musica e con le arti visive (per informazioni, www.salonedelvino.it).
Intanto, però, in questo week end i riflettori saranno puntati su “Vini d’Italia 2004”, la diciassettesima edizione del “vangelo” enoico curato da Gambero Rosso e Slow Food, per il quale è stata predisposta a Roma una serie di appuntamenti. Ad iniziare da domani mattina, quando presso la Sala Sinopoli dell’Auditorium avrà luogo la premiazione dei produttori insigniti dei “Tre bicchieri”.
Domenica, invece, tutti alla Città del Gusto, a Roma: dove già dal mattino si svolgerà l’asta dei vini pregiati e da collezione (a chi interessasse, i lotti saranno in visione già da sabato pomeriggio, sempre presso il complesso del Gambero Rosso). Domenica pomeriggio, poi, dalle 15 alle 21, con biglietto d’ingresso di 50 euro, gran finale con l’assaggio dei 254 vini premiati, vertice della nostra enologia (per informazioni, tel.06 55112205). Vini che, magari, Savino Angioletti, proclamato a Cervia miglior sommelier d’Italia, conosce tutti a menadito. Complimenti anche a lui, comunque, e a tutti coloro che operano sempre bene pur se lontani dal clamore della folla. Come Vicentini Orgnani, cantina friulana il cui Tocai 2002 Colline di Valeriano (5,50-6 euro), paglierino scarico, propone al naso ricordi vegetali e di agrumi, mela, pesca, frutta esotica, mandorla e susina. In bocca è caldo, pulito, di discreto corpo ed equilibrato nelle sue componenti fresche e ammandorlate. Degno compagno di un prosciutto di San Daniele stagionato, di un risotto alle erbe o di uno sformato con funghi e formaggio Montasio.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli