02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2024
VINO & SPORT

Il Ministro Lollobrigida a bordo di Prosecco Doc Shockwave3 per la “Barcolana 55”

Il mondo del vino e quello della vela si intrecciano ancora, con un protagonista “d’eccezione”, Francesco Lollobrigida, grazie al Prosecco Doc

A vele spiegate, nel segno delle eccellenze del made in Italy, arriva il curioso connubio tra sport, vino ed istituzioni, con il Ministro dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida che farà parte dell’equipaggio, domenica 8 ottobre, alla Barcolana 55, del Super Maxi Prosecco Doc Shockwave3. L’imbarcazione, anche quest’anno, sarà timonata da Mitja Kosmìna, insieme ad una squadra internazionale formata da 17 regatanti e coordinata dagli armatori gli imprenditori Claudio Demartis e Pompeo Tria, e dall’esperto velista e team manager Riccardo Bonetti.

“Sono davvero entusiasta - ha dichiarato l’imprenditore e armatore Claudio Demartis - che, dopo anni di collaborazione con il Consorzio di tutela del Prosecco Doc, ci sia a bordo una figura così importante per i nostri territori che offrono prodotti di eccellenza con la speranza che possa essere di aiuto in quello che è un periodo difficile per il mondo della filiera agroalimentare. Con immensa gratitudine porteremo il Ministro Francesco Lollobrigida a salpare, per la prima volta su una barca a vela, le acque del nostro mare”.

“E’ un onore ospitare il Ministro dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare e delle Foreste Lollobrigida sulla “nostra” barca: sarà l’occasione per celebrare una volta di più il legame esistente tra il Prosecco Doc e la città di Trieste che, molto probabilmente per prima al mondo, nel 1715, comprese l’importanza di certificare le proprie produzioni “… per conservar il credito ai veri e genuini Prosecchi”. Sarà un’occasione per brindare assieme al Ministro ma per ribadirgli, ancora una volta, se vi fosse il bisogno, la necessità che la riforma sulle Indicazioni Geografiche, in discussione a Bruxelles, risolva normativamente, una volta per tutte, i potenziali conflitti tra Ig e menzioni tradizionali. Un tema che ci tocca direttamente ma che riguarda, potenzialmente, tutte le denominazioni europee, e che, se non risolto, potrebbe incidere negativamente sulle future attività di tutela di molte denominazioni, non solo italiane” ha dichiarato il direttore del Consorzio di tutela di Prosecco Doc, Luca Giavi.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli