02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Mondo

Un Sagrantino certificato dal notaio ... Marco Caprai, firma di spicco dell’enologia nazionale, stava covando l’idea da qualche tempo. Da quando cioè si era accorto che il suo Sagrantino di Montefalco, rosso umbro di gran carattere e personalità, da lui portato alla ribalta dei mercati internazionali, correva il rischio concreto di varie imitazioni dall’estero. Come fare per difendere vino, vitigno, territorio e tipicità dagli attacchi? Semplice: andando dal notaio.
E’ così che, a partire dalla vendemmia 2003, le bottiglie di Sagrantino di Montefalco firmate Caprai saranno certificate da uno studio notarile (Marco Carbonari di Perugia) che garantirà che garantirà che quello che c’è scritto nell’etichetta è vero: che cioè nella sua bottiglia c’è vino che deriva da uve Sagrantino al 100%. Ciò sarà possibile con il supporto di sofisticate prove scientifiche individuate con la consulenza dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige e del professor Leonardo Valenti del dipartimento di produzioni vegetali dell’Università di Milano. Come dire, l’imitatore è servito.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli