02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Mondo

Supermaremma, che vino: la tenuta dei Mazzei lancia un nuovo rosso. E vince medaglie ... Non ha fatto in tempo a nascere che già si è guadagnato un medagliere: i due bicchieri colorati del Gambero rosso, i cinque grappoli dell’Ais (Associazione italiana sommelier), i 91 centesimi delle due riviste statunitensi Wine Spectator e The wine advocate. Chi è il bambino prodigio? Il Tenuta Belguardo Maremma toscana Igt 2000, un nuovo rosso dei Marchesi Mazzei in Fonterutoli: famiglia toscana da più di cinque secoli nel mondo del vino, sinonimo di tradizione ed etichette di prestigio. Castello di Fonterutoli (Chianti Classico) e Siepi (Supertuscan ai vertici della classifica dei migliori vini d’Italia) sono i due prodotti di punta dell’azienda nel Chianti Classico (Castellina in Chianti), guidata da Filippo e Francesco Mazzei, sotto la presidenza del padre Lapo. Dopo i Supertuscan è il momento dei Supermaremma, come scommette qualche addetto ai lavori? Certo è che, sottobraccio all’enologo Carlo Ferrini, Francesco e Filippo stanno applicando a Belguardo la stessa filosofia che guida il lavoro a Fonterutoli: quella cioè di fare vino che sia nel gusto, nel profumo e nella struttura la più fedele espressione del territorio in cui cresce la vigna da cui proviene. Uvaggio 70% Cabernet sauvignon, 20% Sangiovese e 10% Merlot, il Tenuta Belguardo Maremma toscana Igt piace al primo assaggio. E rivela le potenzialità di una nuova zona enologica, nella quale stanno investendo grandi imprenditori. Tra i pionieri, oltre ai Mazzei, c’è il principe Duccio Corsini con sua Marsiliana 2000.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli