02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Mondo

Italian food and wine, per Ornaghi sono beni culturali ... Risorse da valorizzare. Un piano del ministro sul tavolo di Monti ... Prima di confezionare il progetto e portarlo sul tavolo del presidente del Consiglio Mario Monti, il ministro Lorenzo Ornaghi si è confidato con alcuni dei protagonisti dell’italian food and wine. E non ha fatto fatica a trovare consensi ed entusiasmo sulla sua nuova iniziativa: cucina, vino e altri prodotti dell’eccellenza alimentare italiana meritano di essere messi sullo stesso piano, in termini di tutela e promozione, dei beni culturali. Ornaghi, il ministro-rettore considerato intenditore e gourmet (mangia poco ma bene e beve soprattutto rossi piemontesi e bollicine di Franciacorta) si prepara a lanciare un progetto che porterebbe l’Italia a duellare direttamente con la Francia al vertice mondiale delle risorse enogastronomiche da valorizzare. Inserendo vino e cibo italiano nell’ambito dei valori da seguire come ministro dei Beni e della attività culturali, magari in coordinamento con i colleghi dell’agricoltura e del turismo. Perché un supertuscan come Luce di Frescobaldi (non a caso presto abbinato con un piatto esclusivo Richard Ginori) o un Brunello di Montalcino Cerbonaia (ai vertici delle classifiche mondiali) non dovrebbero avere la stessa dignità del Colosseo o dei Musei fiorentini? Il ministro è convinto che difendere e valorizzare l’enogastronomia italiana come si fa con i monumenti è un modo di diffondere buona cultura del cibo e promozione turistica.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli