02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Mondo

Tra i calici natalizi ... Vini Dal Giulio Ferrari collezione 1995 all’Hennessy Very special ... Vini? Da sempre sono oggetto del desiderio . E le prossime feste sono l’occasione per fame un regalo importante, o concedersi uno sfizio. Da dove cominciare? Dal brindisi, of course. Tenendovi forte: come resistere di fronte a un Giulio Ferrari collezione 1995? Solo 1.500 bottiglie numerate delle uniche bollicine in Italia a vantare 18 anni di invecchiamento (un record!). E come rinunciare ai Franciacorta vintage collection 2009 di Ca’ del Bosco? Brut (più austero), dosage zero (più rigoroso) e satèn (più morbido), questa trilogia di spumanti rappresenta le tre espressioni di una terra che vanta produttori di valore. Da Monte Rossa (il suo Coupé è elegante e spensierato) a Barone Pizzim con la riserva Bagnadore decimo terzo pas dosé, super premiata etichetta della prima azienda a produrre Franciacorta da viticoltura biologica. Stessa filosofia produttiva nella bella azienda Il Mosnel: ottimo il suo Extra brut Ebb millesimato da uve Chardonnay. Si distingue il Gran cuvée saten di Bellavista; perfetto a tutto pasto il Dosage zero di Castello Bonomi. E il Berlucchi Palazzo Lana Extreme? Una perla della grande cantina che ha dato il via alla storia del Franciacorta. Bollicine in Piemonte nella più giovane Alta Langa: tra le case storiche, la Enrico Serafino è stata una delle prime a creare pregiate cuvée di Metodo classico (come il suo Alta Langa doc zero). Su e giù per l’Italia, altri brindisi doc: Athesis Brut della cantina altoatesina Kettmeir, Gran Cuvée brut della marchigiana Velenosi, Contea di Sclafani Almerita brut della siciliana Tasca d’Almerita. Preferite il più facile Prosecco? Il Prosecco doc Zonin 1821 è ideale dall’aperitivo al dessert. E sono vincenti le quotate etichette di Bisol, Carpené Malvolti, Valdo, Santa Margherita, Nino Franco, Astoria, Mionetto, Q8, Bellussi. Non solo vino. Ecco un Premium single malt scotch Whisky del calibro di Glenmorangie. O un Cognac come il mitico Hennessy Very special, con etichetta firmata da Futura, l’artista di graffiti più famoso al mondo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli