02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SPORT E ALIMENTAZIONE

Il Parmigiano Reggiano “corre” in Jakutia, il luogo abitato più freddo del pianeta, in Siberia

Il più celebre formaggio italiano protagonista con lʼatleta Paolo Venturini, della Moster Frozen, corsa in solitaria di 38 chilometri tra i ghiacci
MONSTER FROZEN, PAOLO VENTURINI, PARMIGIANO REGGIANO, Non Solo Vino
Il Parmigiano Reggiano protagonista della Monster Frozen con l'atleta Paolo Venturini

Che sia il più famoso ed esportato di formaggi italiani è un fatto, ma forse, il Parmigiano Reggiano, tanto lontano, e tanto al freddo, non si era mai spinto. E ora, in un case history tra marketing ed epica sportiva, lo farà niente meno che nella Moster Frozen, una corsa in solitaria di 38 chilometri che si terrà tra il 17 ed il 22 gennaio in Jakutia, il luogo abitato più freddo del pianeta, nella Siberia orientale. Dove il Parmigiano Reggiano, anche grazie alla sua comprovata digeribilità, sarà al centro dellʼalimentazione, prima, durante e dopo lo sforzo, dellʼatleta Paolo Venturini, classe 1968, assistente capo della Polizia di Stato e atleta del gruppo sportivo delle Fiamme Oro, punta a coprire la distanza tra i villaggi di Tomtor e Ojmjakon in circa 4 ore. Le prove generali dell’impresa, mai tentata prima, erano state effettuate lo scorso febbraio a -43 C°, a gennaio però le temperature scendono ben oltre i -60 C°.

Tra i problemi principali da superare ci sarà quello della respirazione, poiché con l’umidità al 80% si inalano cristalli di ghiaccio, mettendo in pericolo gli alveoli polmonari ma prima ancora i denti. Anche la velocità di corsa va studiata: con un ritmo troppo elevato, il vento in faccia aumenterebbe il freddo percepito. Per questo motivo, il piano gara prevede di stare sotto i 10 Km/h per completare il tragitto in poco più di 4 ore.

Oltre alla preparazione atletica e all’abbigliamento, un altro aspetto fondamentale per la riuscita del progetto, però, è proprio l’alimentazione: “molta pasta e Parmigiano Reggiano - spiega Venturini - sono alla base della mia dieta in vista della Monster Frozen data la loro facilità di digestione. Durante la gara mi alimenterò con Parmigiano Reggiano sia per l’apporto di sali minerali sia per il fatto che, anche se ghiacciato, si sbriciola e si può mangiare”.
“Nel corso di questa impresa mai tentata prima - afferma Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano - Paolo potrà contare sul formaggio Parmigiano Reggiano per avere a disposizione tutta l’energia di cui avrà bisogno. Il Parmigiano Reggiano rappresenta un alleato unico degli sportivi e dei maratoneti, grazie ai suoi amminoacidi liberi, al suo calcio altamente assimilabile, ai sali minerali e alle proteine. Una riserva di energia ready-to-use prima, durante e dopo ogni sforzo fisico”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli