Slow Wine 2024
Allegrini 2024
VINO E PROMOZIONE

Il Prosecco continua a crescere nel mondo. E la Docg scommette molto su Uk

Terroir, Rive e Cartizze protagonisti nel primo e nel terzo mercato straniero delle bollicine del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg
PROSECCO DOCG, SVIZZERA, UK, vino, Italia
Elvira Bortolomiol e Diego Tomasi, vertici del Consorzio del Prosecco Docg

Il Prosecco continua a crescere nel mondo, senza sosta. I dati Istat, sui primi 7 mesi 2022, parlano di una crescita del 25% (sullo stesso periodo del 2021), tra Doc e Docg, per un valore che supera gli 872 milioni di euro, e punta dritto a superare 1 miliardo a fine anno, momento clou per tutti i brindisi. E questo anche grazie alle attività di promozione che mettono in campo tanto le aziende quanto in consorzi. Come quello del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, guidato da Elvira Bortolomiol, che tutela il territorio storico in cui il Prosecco è nato, e oggi patrimonio Unesco proprio grazie a “Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”. Che, nei giorni scorsi, è stato protagonista nel Regno Unito, primo mercato straniero per il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, con un export che cresce del 18,2% in volume, per 9,6 milioni di bottiglie e 50,2 milioni di euro in valore (+7,5%), e la Svizzera, terzo approdo estero, dove in 10 anni (dal 2010 al 2021), il valore del Prosecco Docg è praticamente raddoppiato (+92%). Ad inizio ottobre, infatti, il direttore del Consorzio, Diego Tomasi, ha tenuto una lezione sulle diverse espressioni organolettiche della Denominazione ad un gruppo di studenti e produttori di vino della Facoltà di Enologia del Plumpton College, la principale istituzione di istruzione, formazione e ricerca sul vino nel Regno Unito. L’appuntamento ha visto la partecipazione di due enologi locali, con il supporto della Master of Wine britannica Sarah Abbott, e si è parlato di terroir, anche attraverso le selezioni delle tipologie più pregiato, ovvero le Rive ed il Cartizze, con gli spumanti poi abbinati ai piatti della cucina italiana di Eataly Londra.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli