02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore / Plus

I deal accelerano con Campari ... L’Osservatorio M&A dell’Università Bocconi-Clifford Chance-Maisto... Nei mesi di aprile e maggio, si conferma una tendenza ormai consolidata sul mercato italiano verso una progressiva crescita del valore medio delle operazioni concluse.
Tra le acquisizioni presentate in tabella, tre registrano un prezzo pagato superiore a un miliardo di euro e solamente in quattro casi il controvalore è invece inferiore a 50 milioni di euro, tetto che rappresenta la soglia oltre la quale le operazioni vengono considerate di grandi dimensioni. La maggiore rilevanza delle grandi transazioni indica come attualmente i protagonisti del mercato siano le imprese medie e grandi che, all’interno di un processo di internazionalizzazione e di diversificazione, guardano a realtà ben organizzate e consolidate nel tempo.
In questo processo le imprese italiane hanno spesso assunto il molo di acquirenti e, allo stesso tempo, sono state considerate in diversi casi dei target interessanti. Tra i gruppi che si sono fatti notare, si segnala in particolare Campari che ha continuato la sua campagna di acquisizioni e ha rilevato il controllo di un produttore di tequila negli Stati Uniti. Così, dopo i raid sull’americana Skyy Spirit, su Zedda Piras (2002), su Barbero 1891 (2003) e su alcuni marchi appartenenti al gruppo Pernod Richard nel 2005, l’ingresso in Cabo Wabo Tequila ha permesso a Campari di consolidare la propria posizione nel segmento “ultra premium” del mercato d’Oltreoceano.
L’acquisita può vantare volumi di vendita pari a 70.000 casse da 9 litri all’anno ed è attualmente uno dei marchi con la maggiore crescita sul mercato...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli