02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

3i investe nel prosecco con Mionetto ... Il private equity entra anche nel mondo del Prosecco. Mionetto, una delle più antiche aziende spumantistiche di Valdobbiadene fondata nel 1887, ha annunciato un'operazione di aumento di capitale che passa attravero l'ingresso come nuovo socio della 3i. Il valore dell'operazione non è stato comunicato ma 3i ha acquisito una parte di quote e parteciperà al doppio aumento di capitale previsto nel giro di tre mesi. Rispetto all'attuale base sociale di 1,62 milioni di euro, Mionetto verrà ricapitalizzata per un milione nei prossimi giorni per concludere l'operazione con ulteriori 2 milioni nel mese di maggio. A conclusione dei movimenti previsti dall'accordo, la famiglia Zanin manterrà la maggioranza, 3i avrà una quota del 40% del pacchetto azionario mentre la famiglia Mionetto resterà in una posizione minoritaria.

«Il nostro obiettivo è quello di incrementare ulteriormente il trend di crescita dell'azienda - dice Aldo Zanin, nuovo amministratore delegato - sia in termini di aumento di quote di mercato che di nuove acquisizioni. Guardiamo con attenzione ai mercati emergenti ma puntiamo molto anche su una espansione nelle aree dove già abbiamo una presenza consolidata, come Germania ed Usa che presidiamo con nostre società commerciali». Dopo l'ingresso, avvenuto nel 2000, della famiglia Zanin, attiva nella Gdo e nei semilavorati per gelati, la Mionetto aveva avviato una aggressiva politica di acquisizioni portando all'interno del gruppo le cantine Amistani Guarda di Venegazzù, la Wisco e la distilleria G.R.Brotto. In tal modo l'azienda di Valdobbiadene aveva potuto ampliare il mercato della ristorazione entrando anche in quello della distribuzione organizzata e dei liquori.

«La nostra crescita, ora - precisa Zanin - passerà sicuramente attraverso ulteriori acquisizioni ma punterà anche sul consolidamento del posizionamento qualitativo elevato che ha da sempre contraddistinto la produzione di Mionetto. Quanto agli investimenti guardiamo con interesse all'intero settore dei distillati, ed in particolare alle grappe che stanno riscuotendo crescenti consensi da parte della clientela, e ci apprestiamo ad avviare la costruzione di un nuovo stabilimento».

Mionetto ha chiuso al 31 agosto 2003 l'ultimo esercizio commerciale con un fatturato di 42,5 milioni ed un Mol di 4,9 milioni per una produzione di poco meno di 12 milioni di bottiglie. Le previsioni per il 2004 indicano una ulteriore crescita del fatturato stimata sull'8,4%.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli