02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Dal vino agli hotel - Investiti circa 40 milioni di euro Antinori scopre il fascino di benessere e agriturismo ... Il turismo è una scoperta recente per il gruppo toscano Antinori, uno dei marchi leader e storici del vino italiano di alta qualità nel mondo, ma sta via via acquisendo un ruolo sempre più rilevante. Due le aree di attività all'insegna del turismo di fascia alta: il polo talassoterapico di Castagneto Carducci (Livorno) e le strutture agrituristiche Fonte de' Medici nell'area del Chianti, dove gli Antinori producono il Tignanello.Come spiega l'amministratore delegato Flavio Guarducci, il progetto Tombolo è partito nel 2000 con l'acquisto dell'ex colonia marina Olivetti sulla Riva degli Etruschi da parte del gruppo guidato da Piero Antinori. «È stato realizzato un investimento da una trentina di milioni di euro - prosegue Guarducci - per realizzare una struttura ricettiva all'insegna del benessere. Il 2004 è stato il nostro primo vero anno di attività ed abbiamo avuto circa 20mila presenze, per un giro d'affari stimabile sui cinque milioni di euro».Le prospettive per il 2005 sono positive. «Il mercato va molto bene - spiega Guarducci - Il turismo di fascia alta non ha subito gli scossoni che hanno investito il resto del settore. Anzi per quest'anno ci aspettiamo una crescita delle presenze del 40% almeno, grazie agli investimenti commerciali che stiamo realizzando sui mercati esteri, soprattutto Usa, Gran Bretagna, Francia e Russia. Possiamo disporre di tre aeroporti vicini, siamo baricentrici rispetto a Roma e Milano. A livello mondiale c'è una grande richiesta di offerte turistiche di fascia alta e all'insegna del benessere». Il gruppo Antinori, che ha un giro d'affari di oltre 100 milioni di euro con il vino, sta poi presenze, di cui il 60% dall'estero. Il business è in netta crescita, le attese per il 2005 sono molto positive, grazie ad americani e cinesi». Il gruppo Antinori sta poi sviluppando investimenti in altre tenute vinicole in Toscana, Umbria e Puglia. «E in questo ambito possiamo realizzare almeno altri tre poli di agriturismo di lusso» conclude Albiera Antinori.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli