02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Zonin: "Così non si va più avanti" ... Il mondo del vino italiano "é in pericolo". Prezzi dell'uva in "caduta libera", consumi "in calo dell'11%", con il "70% dei ristoranti che registrano una flessione nel fatturato", sono i segnali della crisi del settore e l'unico modo per cercare di salvarlo è "un patto sociale tra produttori, governo e consumatori". A lanciare la proposta è Gianni Zonin, uno dei più grandi imprenditori del vino in Italia.
"Occorre che fin da subito tutte le parti in causa, produttori, governo e consumatori - dice Zonin - si mettano attorno a un tavolo per dare vita a una concertazione, a un patto sociale che deve servire ad abbassare il peso fiscale, a contenere i prezzi finali, a sostenere i consumi, a rilanciare l'immagine del vino su basi nuove". Secondo l' imprenditore serve dunque "un patto di concertazione, sollecitato e coordinato dal Ministero delle Politiche Agricole, perché da soli i singoli attori del vino non riusciranno ad invertire la tendenza. Deve essere chiaro a tutti che il sistema vino non è marginale nell'economia. E', e resta, il principale settore dell'agroalimentare, sinergico al sostegno di tutto il made in Italy sui mercati internazionali".

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli