02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Fratini si allea con Antinori e investe sui vigneti di Bolgheri ... Da sempre il core business del gruppo Fingen Rdm di Firenze era fatto di tessile e immobiliare, con un’attenzione crescente per hotelleria & resort di lusso, come può essere il Four Seasons in via di completamento nel cuore di Firenze. Ora, però, per i fratelli Marcello e Corrado Fratini, titolari di Fingen (300 milioni di euro nel 2005), si è aggiunto un nuovo business fatto di vigneti, vini rossi, ospitalità agreste e benessere naturale. Attraverso la strada delle alleanze, con due partner d’eccezione: il marchese Piero Antinori, per quanto riguarda il progetto vino; e il gruppo Bulgari per ciò che concerne gli investimenti in procinto di partire nel business del wine resort.

Due investimenti che - tiene a precisare l’amministratore delegato di Rdm, Jacopo Mazzei - non hanno nulla in comune tra loro, se non il fatto che il gruppo Fratini è nell’uno e nell’altro affare. Indipendenti, sì, ma in grado di sfruttare una serie di sinergie derivanti dal fatto di coesistere nel medesimo territorio (la costa dell’Alta Maremma e l’entroterra di Bolgheri) ricco di macchia mediterranea e vigneti di grandi rossi a base di uve Cabernet, Merlot e Syrah.

Gli stessi vigneti, cioè, che i fratelli Fratini e Antinori hanno messo a dimora nei 70 ettari che compongono la tenuta Argentiera di Donoratico, per la quale sono stati investiti finora 20 milioni di euro. E i cui vini, per quanto ottenuti da vigne ancora molto giovani, sono pronti per andare sul mercato.

Poiché anche in campagna gli affari chiamano altri affari, ecco che il vino e la bellezza del paesaggio restano alla base del wine resort da 90 camere che sorgerà su un’area di 40 ettari con strutture rilevate di recente dal Club Mediterranee, confinante con la Tenuta Argentiera.

Il progetto, la cui gestione verrà affidata al gruppo Bulgari, prevede - spiega Mazzei - la realizzazione entro il 2009 di un complesso ricettivo «di alto profilo, dotato di Spa e accesso privato al litorale». L’investimento stimato è sui 70 milioni di euro. Che il gruppo Fratini non avrà problemi a trovare, avendo ancora intatta la ricca liquidità di 240 milioni incassata dalle recenti cessioni di alcune importanti licenze come Cotton Belt, Calvin Klein, Guess.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli