02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

A Bruxelles l’Italia che perde ... I fondi Ue al vino... L’Italia del vino rischia ancora una volta di perdere un ricco budget di risorse Ue. Finanziamenti che potrebbero essere decisivi per ridare slancio alla competitività del made in Italy e che invece ora, per i ritardi accumulati dalle burocrazie di Roma e Bruxelles, rischiano di restare inutilizzati.

Nel mirino ci sono le risorse per l’espianto dei vigneti. Circa 100 milioni l’anno (su uno stanziamento Ue di un miliardo in tre anni) che potrebbero essere utilizzati per eliminare i vigneti di bassa qualità e ridurre l’offerta di quei vini che non hanno mercato. È vero, l’estirpazione non è fra le priorità dell’Italia. Tuttavia i contributi sono vincolati a questa misura e non possono essere dirottati su altri interventi.

Sullo sfondo resta solo una domanda: che senso ha battere i pugni al tavolo di Bruxelles per ottenere risorse aggiuntive - come i 66 milioni spuntati nello scorso dicembre dall’ex ministro per le Politiche agricole, Paolo De Castro. nel corso del negoziato sulla riforma - se poi alla prima occasione se ne buttano al vento 100?

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli