02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Una grande vetrina per il made in Italy ... In prospettiva rappresentano una grande opportunità per il made in Italy ma ancora oggi gli acquisti effettuati dall’estero sui siti italiani pesano relativamente poco: 850 milioni di euro, con una crescita del 4% rispetto al 2007, mentre erano appena 142 milioni nel 2002.
A tirare le vendite sono due comparti tradizionalmente forti in Italia, l’abbigliamento e il turismo. Il primo vale più del 50% delle vendite oltreconfine e vede spiccare, secondo la ricerca del Politecnico di Milano, siti come Yoox e Glam On Web, la boutique online di La Perla. Resta inoltre da vedere l’impatto che avrà l’arrivo di alcuni brand della moda, da Diesel ad Armani, da Energie a Miss Sixty, che hanno aperto o rinnovato i loro store online. In campo turistico (il cui
peso è intorno al 18%)
raccolgono buoni risultati sia i
portali degli hotel che gli
operatori del trasporto
tradizionale, anche se le
vendite sono state penalizzare
dal supereuro e dalla crisi
Alitalia. La domanda proviene
principalmente dall’area
europea, dagli Stati Uniti e dal
Giappone.
Rimane però estremamente
scarsa l’offerta di altri prodotti
caratteristici del made in Italy
come, per esempio, quelli
dell’enogastronomia,
dell’arredamento e dei
complementi per la casa.
I prodotti di elettronica, i
libri e gli audiovisivi hanno
infine un peso marginale nelle
vendite.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli