02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Branca distribuirà Cointreau ... Accordo Strategico per il mercato italiano... Per più di un secolo e mezzo è stato solo Fernet. Poi, nell’ultima parte del secolo scorso, sono arrivati diversi marchi di distillati tipici del made in Italy. Ora la Fratelli Branca, società da sempre controllata dall’omonima famiglia milanese, apre le porte alla Francia. Arricchendo il proprio portafoglio di cognac, rum, champagne Piper e Charles Heidsieck, nonché Cointreau, il liquore dolce-secco tra i più venduti nel mondo.
L’operazione ha avuto ieri il via libera del presidente dell’azienda italiana Niccolo Branca e di Jean-Marie Laborde, Ceo del gruppo Rémy Cointreau. L’accordo prevede appunto la distribuzione in esclusiva da parte di Branca di circa un milione di litri di prodotti francesi (si stima che il valore si aggiri sui 30 milioni di euro). Distribuzione fino a fine marzo di competenza della Maxxium, vale a dire uno dei più grandi network internazionali specializzati nella commercializzazione di liquori e superalcolici, di cui lo stesso gruppo Rémy-Cointreau è partner.

La scelta di affidare la rappresentanza italiana ai fratelli Branca può quindi essere vista come un’operazione che tende a sdoganare l’incipit globalizzante, rivalutando invece la formula molto italiana dell’azienda privata e familiare. Come appunto è Fernet Branca dalla fondazione e che, nonostante la diversificazione dei marchi introdotta solo di recente, è rimasta comunque fortemente legata al proprio core business delle bevande alcoliche.

Nel commentare la partnership con l’azienda italiana, il Ceo Laborde ha detto che si si tratta di un passo avanti nello sviluppo del business, in grado di rafforzare ulteriormente i propri brand nella fascia alta del mercato.

Per il presidente Niccolò Branca l’accordo si inserisce nella politica di sviluppo che l’azienda ha avviata da alcuni anni, attraverso l’ampliamento di nuovi prodotti e marchi. La società del Fernet oggi sviluppa affari per oltre 80 milioni di euro, di cui quasi due terzi maturati sui mercati esteri. Oltre all’Italia, l’azienda è presente con un proprio stabilimento di produzione in Argentina, dove è leader assoluta di mercato.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli