02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

A Bologna la libreria-osteria delle Coop ... Per il 2009 attesi otto milioni di ricavi di cui quattro dalla ristorazione... . Nel Trecento era una chiesa (San Matteo degli Accarisi), poi in epoca Ottocentesca divenne un mercato e a metà Novecento si trasformò in cinema. Dopo un lungo periodo di chiusura lo spazio dell’ex Ambasciatori (così si chiamava da ultimo la sala a luci rosse che ospitava) di Bologna è rinato come libreria-ristorante, un luogo in cui la cultura letteraria si fonde con quella alimentare nel crocevia classico della gastronomia bolognese, in quel “mercato di mezzo” che ancora è il fulcro del commercio alimentare cittadino.

In uno spazio di proprietà comunale in cui le attrezzature moderne, l’acciaio e il vetro
si fondono con il rosso del mattone e le vetrate consentono di cogliere inedite immagini del mercato, del campanile di Santa Maria della Vita e delle Due torri, CoopAdriatica ha realizzato (3,7 milioni di investimento) una struttura di 1.450 metri quadrati, che unisce libri, cultura e sapori tipici di alta qualità a prezzi sostenibili gestita da librerie.coop e da Eataly. Il tutto con un canone di affitto annuo all’amministrazione comunale pari a 500mila euro.

All’Ambasciatori, aperto sette giorni su sette fino alle 24, trovano posto su tre piani una libreria con “90mila volumi, aree per incontri, una caffetteria, un’osteria con cucina e una vineria didattica dove
comprare, mangiare e studiare cibi e bevande di qualità. L’assortimento delle librerie, coop all’Ambasciatori è composto da 50mila titoli e 90nila volumi con 650 sigle presenti, fra le quali quelle della piccola e media editoria indipendente e locale (è presente l’intero catalogo de Il Mulino). “Una scommessa vincente quella dell’abbinamento tra cultura e cucina - spiega Domenico Pellicano, presidente di librerie, coop - tanto che stiamo pensando di replicare il format in altre città d’Italia ma sempre in contenitori ad alto valore storico ed estetico”. Ora librerie.coop ha 17 negozi che saranno 20 entro fine 2009.

All’interno dell’Ambasciatori attualmente lavorano
una settantina di addetti, cui 25 in libreria e su base annua la struttura realizzerà ricavi per circa 8 milioni di euro, equamente suddivisi trai vendita di libri e ristorazione. “I dati dei primi tre mesi di attività ci confermano pienamente il budget e che l’approccio cibo-cultura sta funzionando - spiegano da CoopAdriatica - e interessa tutti gli strati della popolazione cittadina che ha risposto nella misura di circa 20mila clienti al mese cui si aggiungono almeno 10mila visitatori”. E in tre mesi di attività Eataly ha servito 30.178 pasti e oltre l0mila panini: “anche in tempi di crisi - spiega Nicola Farinetti responsabile di Eataly Bologna - il cibo di qualità tiene”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli