02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

La bolla sgonfia le bollicine ... Champagne in saldo... Qualcuno si ricorda le bottiglie Belle Epoque BY & For a 50mila euro l’una, proposte (e venute davvero) dalla maison Perrier-Jouët. Era il marzo 2008, neppure due anni fa. La fine di un’epoca. In questi giorni di festa, invece, la metropolitana di Parigi è tappezzata di pubblicità di champagne dai nomi sconosciuti, venduti a meno di nove miseri euro. Marchi ausiliari li chiamano, fittizi. Ma gli esperti dicono che sono buoni, perché provengono dalle cantine di maison prestigiose: stock rimasti tristemente invenduti. Che cosa sta succedendo? Un definitivo ritorno alla normalità, a prezzi umani, a un consumismo senza eccessi? O sarà solo una parentesi, prima dell’inizio di un’altra bollicina? E prima che di nuovo trader, banchieri, stilisti e macellai arricchiti brindino allo champagne rigorosamente più caro, sempre di più? Questo a Parigi non lo sa nessuno. Né che cosa diventerà il mercato dello champagne. Né l’economia mondiale. Aspettando si brinda a meno di nove euro la bottiglia. Finché dura.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli