02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Alcol zero da subito per chi guida il Suv con barca al seguito … Si parte per le vacanze con una regola e si torna con un’altra. L’entrata in vigore “a scaglioni” della riforma del Codice della strada (legge 120/10) complica la vita di chi guida e di chi lo controlla. Anche perché le novità non riguardano solo viaggi, ma anche i banali spostamenti per andare in spiaggia o a una festa. E dietro l’angolo possono nascondersi brutte sorprese: nelle pieghe della legge ci sono anche inasprimenti finora sfuggiti alle cronache e, forse, persino alla volontà del Legislatore. È il caso dell’alcol zero, che si applica non solo ai giovani e conducenti di professione, ma talvolta pure a chi guida un Suv portandosi dietro, per esempio, la roulotte o il motoscafo: la particolare formulazione della norma fa rientrare nel divieto assoluto di bere alcolici anche le auto che trainano rimorchi diversi dai carrelli appendice (quindi caravan e carrelli Tats - trasporto di attrezzature turistiche e sportive), se il peso totale a pieno carico del complesso supera le 3,5 tonnellate. Fanno fede i valori di massa complessiva riportati nelle carte di circolazione. In pratica, è il caso di grandi Suv e camper abbinati a certi rimorchi, che possono essere guidati solo con la patente C o BE, non con la B normale. Dal 13, la legge 120/10 avrà effetti anche in bar, negozi, autogrill, locali in genere e persino in spiaggia, con divieti di vendita e/o somministrazione di alcolici e/o superalcolici in certe ore. Bisognerà vedere quanti ripiegheranno su feste in case private o si riforniranno negli orari consentiti.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli