02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Nel mirino di Tuttofood diventare il numero uno ... Tuttofood vuole diventare il punto di riferimento internazionale del comparto alimentare: Enrico Pazzali, amministratore delegato di Fiera Milano, è molto chiaro sugli obiettivi della manifestazione milanese che quest’anno arriva alla terza edizione. Con oltre 2mila marchi presenti, quattro padiglioni occupati e oltre 40mila mq, Tuttofood si inserisce, secondo gli organizzatori, nella top ten delle più importanti rassegne alimentari internazionali. “Una fiera è leader - osserva Pazzali - se quel paese ha la leadership nel settore industriale. Come nel mobile-arredo. L’Italianfood è leader nel mondo ma ha solo la quarta manifestazione per importanza, dopo Germania, Francia e Spagna. Ecco Tuttofood ha l’obiettivo di diventare il numero uno: senzaperò fare la corsa su Cibus ma sui tedeschi. Perché Milano? Noi abbiamo il più grande quartiere espositivo europeo e offriamo pacchetti di servizi completi per l’espositore; Milano è dotata di infrastrutture viarie e ricettive tra le più evolute; e una rete commerciale e dell’intrattenimento capillare”. Poi Pazzali sottolinea che negli obiettivi triennali di Fiera Milano c’è anche quello di portare nel capoluogo lombardo 500mila nuovi buyer, quelli che, mediamente, spendono 1500 euro per i servizi collaterali all’evento.

In vista di Expo 2015, dedicata proprio al tema della nutrizione, Tuttofood è diventata una delle manifestazioni strategiche del polo espositivo lombardo. “All’indomani dell’assegnazione a Milano dell’Expo 2015- aggiunge Pazzali - ci siamo chiesti quale contributi potesse esprimere la nostra Fiera in una Expo dedicato al tema della nutrizione. Abbiamo subito pensato a Tuttofood, una rassegna internazionale professionale, in cui le aziende vengono sia per fare business sia per intraprendere relazioni con altri mercati. La nostra manifestazione nel 2012 sbarcherà con Host, il Salone internazionale dell’ospitalità professionale numero uno al mondo, in Brasile, India e, con ogni probabilità, in Cina. Questa alleanza con Host pensata appositamente per i mercati emergenti consentirà di facilitare la distribuzione dei nostri prodotti attraverso il canale Horeca”.
Tuttofood si svolgerà da domenica 8 maggio, per quattro giorni, al quartiere espositivo Fieramilano a Rho. A Tuttofood l’offerta è rappresentata dal made in ltaly alimentare, i grandi marchi dell’industria accanto alle piccole e medie imprese provenienti da tutte le regioni. Tuttofood dedicherà anche in questa edizione uno spazio privilegiato agli espositori istituzionali, regioni, province, Unioncamere regionali e Cdc “che - secondo gli organizzatori - hanno il merito di accompagnare sul palcoscenico internazionale della rassegna milanese molte di quelle piccole e medie aziende che rappresentano, anche nel comparto agroalimentare, la spina dorsale del sistema Italia”.
Punto di forza di Tuttofood è la professionalità e l’internazionalità di buyer e visitatori: nel 2009 sono stati più di 30mila i visitatori professionali che hanno scelto Rho, 61% dei quali italiani, equamente divisi tra buyer della Gdo, grossisti, importato- ridi Made in Italy alimentare e responsabili di punto vendita o reparto speciality-food.

Per l’edizione 2011 Tuttofood ha già calendarizzato per gli operatori della Gdo italiana una serie di workshop dedicati ai temi caldi della distribuzione. E al mondo del fuori casa Tuttofood dedica il Villaggio Mixer.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli