02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

È scomparso Mastroberardino ... Lutto nel mondo del vino … Martedì sera è scomparso Lucio Mastroberardino, presidente dell’Unione Italiana Vini (Uiv) e uno dei grandi imprenditori vitivinicoli del Mezzogiorno. Una morte prematura, all’età di 46 anni, dopo una malattia durata alcuni mesi. Alla notizia tutto il mondo dell’imprenditoria del vitivinicolo si è stretto attorno alla famiglia. “A Lucio - ricorda Remo Grassi, ad di Castello Banfi - mi legava un profondo sentimento professionale e di amicizia. Una perdita enorme per l’imprenditoria. Un commosso pensiero alla famiglia”. “Con Lucio e la Terredora - dice Giovanni Mantovani, dg di Veronafiere - abbiamo percorso un tratto di strada lunghissimo, fin dalle prime edizioni di Vinitaly e poi anche con Vinitaly International. Non dimenticherò la sensibilità dell’uomo, la sua apertura al cambiamento e il forte legame con la famiglia”. Mastroberardino, enologo, nato ad Avellino, nel 1990 inizia a lavorare nell’azienda di famiglia, la Terredora. Nel 1994, insieme al padre Walter e ai fratelli Daniela e Paolo, contribuisce allo sviluppo dell’azienda viticola, completando il ciclo produttivo della vigna e puntando sull’innovazione tecnologica e sulla valorizzazione dei vitigni campani (Fiano, Greco, Falanghina e Aglianico). “Con Terredora - sottolinea Alessandro Regoli, direttore del sito specializzato www.winenews.it - Mastroberardino ha sempre puntato sulla valorizzazione dei vitigni autoctonì campani e all’affermazione sui mercati internazionali. Tra le maggiori aziende viticole del Mezzogiorno, con quasi 200 ettari di vigna, Terredora è il più importante produttore di uve”. Oggi la produzione di 1,3 milioni di bottiglie è distribuita per oltre un terzo all’estero. L’azienda ha una sessantina di addetti. Nel 2004 Wine Spectator (la bibbia internazionale del vino) ha inserito l’azienda campana nelle “Top 50 dei produttori mondiali che ogni appassionato divino dovrebbe conoscere” e, successivamente, nelle Top 100. Nel 2006 l’International wine challenge di Londra la indica come migliore produttore di vini bianchi nel mondo. “Come presidente della Uiv - conclude Regoli - Mastroberardino ha sempre sostenuto una politica che rilanciasse il ruolo e il valore strategico delle politiche agricole e alimentari nell’economia nazionale”. La Uiv rappresenta 500 aziende associate che esprimono il50% del fatturato del settore vitivinicolo italiano. Il corteo funebre partirà oggi alle ore 14,30 dall’abitazione in via Serra di Montefusco (Avellino) per il Convento dei padri cappuccini di S.Egidio di Montefusco.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli