02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Il Grillo (Marsala) top del made in Sicily ... Più dell’80% dei prodotti è bio ... Sempre più sostenibile legato
al territorio e di qualità. Il
vino siciliano ha da tempo perso
ogni complesso di inferiorità:
da almeno vent’anni i vini
dell’isola si sono imposti sul
mercato. Oggi scatta una nuova
fase. Più matura e consapevole.
Che parte dalla riscoperta
e valorizzazione dei vitigni
autoctoni. “In Sicilia abbiamo
circa 70 varietà - dice Antonio
Rallo, titolare di Donnafugata
e presidente dell’Assovini regionale
-, sviluppiamo la ricerca per migliorare
i biotipi e realizzare
nuovi cloni adatti ai singoli
terroir”. In effetti l’isola,
da un punto di vista enologico
è un continente, con terreni
molto diversificati tra loro (in
riva al mare, in collina, su terre
nere vulcaniche).
Se ne ha una conferma in
questi giorni nelle Isole Eolie
con l’annuale appuntamento
di “Sicilia en Primeur”, dove
35 produttori propongono l’assaggio
di più di 300 vini ad
esperti e un migliaio di giornalisti
provenienti da tutto il
mondo. Due i temi emergenti:
il crescente interesse verso i
vini sostenibili e l’entrata in
scena di quello che potrebbe
essere il futuro bestseller Made
in Sicily.
Con il 28% degli ettari riconvertiti
a biologico la Sicilia detiene
il primato tra le regioni
italiane, seguita a distanza da
Puglia (18%) e Toscana (10%).
L’82% delle aziende riunite in
Assovini - che rappresenta il
vertice della produzione siciliana
di qualità - mette al bando
concimi chimici e pesticidi
e adotta pratiche di sostenibilità
in vigna, dalla raccolta
dell’acqua piovana, alla valorizzazione
dei rifiuti.
Protagonista di quest’edizione
di Sicilia en Primeur è comunque,
a detta di molti, il Grillo
- vitigno usato tradizionalmente
per produrre il Marsala
- ora proposto in purezza, con
buone qualità di freschezza e
acidità. Potrebbe replicare lo
straordinario successo del Nero
d’Avola di qualche anno fa,
proponendo una identità più
moderna del vino siciliano, ormai
completamente emancipato
dall’influenza dei grandi vitigni
internazionali.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli