02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

L’agricoltura arranca nell’anno dell’Expo ... Rischia di essere un amaro Expo per l’agricoltura italiana, leader mondiale in tante produzioni di eccellenza. L’anno appena chiuso segna infatti una caduta verticale dell’indice di competitività delle nostre aziende agricole, con i prezzi all’origine che hanno perso più del cinque per cento se confrontati con il 2013, mentre i redditi agricoli hanno accusato una flessione dell’11% rispetto al -1,7% della media Ue. Non è una bel biglietto da visita da presentare agli oltre o Paesi partecipanti all’esposizione milanese, dedicata proprio al tema dell’alimentazione. Con un’aggravante: con le aziende agricole che lavorano in perdita, senza nemmeno coprire i costi, con le quotazioni dei nostri principali prodotti come Grana padano e Parmigiano reggiano sui minimi storici, l’agricoltura è diventata il principale innesco della deflazione nazionale, a fronte dei consumi delle famiglie costantemente congelati. Soluzioni a breve non sembrano essercene. Complice anche un’abbondanza di raccolti nel mondo, l’agricoltura nazionale corre il pericolo di rimanere schiacciata tra nuova politica agricola comune e importazioni a prezzi concorrenziali. Nell’anno dell’Expo questo proprio non ci voleva.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli