02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Valdo investe e cresce a Londra … La famiglia Bolla investe milioni per spingere lo sviluppo della cantina Valdo che nel 2014 ha prodotto i milioni di bottiglie.
“Quest’anno - spiega il presidente Pierluigi Bolla - completeremo un quadriennio di investimenti produttivi che ci ha consentito di ampliare la produzione, con nuove linee e autoclavi, fino a 15 milioni di bottiglie. Oltre agli investimenti nella rete commerciale europea”.
L’anno scorso il fatturato è balzato del 14% a oltre i milioni, di cui metà all’export, e “quest’anno - aggiunge Bolla - abbiamo un budget del +4/+5%. Puntiamo a crescere prioritariamente nelle Americhe ma anche in Asia, dove per il 2016 abbiamo un test importante”.
Valdo nasce nel 1926 a Valdobbiadene, a nord di Treviso, dove vengono coltivate le uve del Prosecco superiore Docg: oggi produce circa il 10% del Prosecco Docg italiano. Il marchio è un big in Italia per la produzione di Prosecco e Charmat, e controlla una superficie di 15 ettari di vigneti. Il prodotto si colloca nella fascia di mercato medio-alto e in quella premium nella ristorazione.
Il 2014 è stata un’annata con il botto per gli spumanti Valdo, ma è da sottolineare sia la performance in Italia che all’estero: +9% sul mercato nazionale (che notoriamente nel suo complesso rimane debole) e +39% sui mercati internazionali. In Inghilterra la crescita è stata addirittura del 121%, ma hanno tirato anche il mercato Usa, +9%, e quello tedesco, +6%. “Il successo del Prosecco- osserva Bolla - è stato decretato dai consumatori di tutto il mondo per le sue caratteristiche distintive. Ora però dobbiamo preservare questo patrimonio, non rincorrendo i volumi ma facendo qualità. Una proposta concreta è quella di rinunciare alle produzioni per conto terzi e ai marchi di fantasia”.
La carta dei vini della cantina veronese comprende (specie per la distribuzione moderna) Marca Oro, poi Valdobbiadene Prosecco superiore Docg Extra dry e il prodotto premium Principe del Prosecco, che, secondo l’azienda, si ritaglia una quota a volume dei 13,1% sul totale di vendita del Prosecco.
E in futuro? “Dal 2016 al 2020 - conclude Bolla - proporremo una lista di nuovi prodotti. Tra l’altro, Valdo rimarrà nelle bollicine ma intende esplorare nuove filiere. Da qualche anno produciamo uno spumante in Sicilia: ecco questa per noi è una filiera”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli