02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Il vino fa rotta su Cina e Usa ... Al via i piani di promozione all’estero - Due cantine siciliane della Top 100 di “Wine spectator” ... Il vigneto siciliano (che pure ha subito una drastica riduzione, dai 300mila ettari del 1886, in linea con il calo italiano) è confrontabile con quello di interi Paesi, come Australia (133mila ettari), Cile (12mila), Sudafrica (100mila) e Nuova Zelanda (35mila). La produttività della Sicilia è però bassa, ettolitri/ettaro, come le rese delle Dop bordolesi (49-50). La Sicilia offre inoltre un panorama ricco di vitigni autoctoni: il 60% della superficie è occupato dalle varietà Catarratto, Nero d’Avola, Grillo e Insolia, cui vanno aggiunte almeno una quindicina di altre uve (Zibibbo, Frappato, Perricone, Nerello Mascalese e altre).Nel 2011 è stata riconosciuta la Doc Sicilia e l’anno dopo si è costituito il Consorzio di tutela vini Doc Sicilia. “Il primo obiettivo del consorzio - spiega il presidente Antonio Rallo, anche amministratore delegato della cantina Donnafugata - è offrire l’opportunità alle Doc già esistenti, caratterizzate da piccole produzioni difficili per il consumatore da collocare in una specifica area geografica,di accostare al nome in etichetta la denominazione geografica aggiuntiva Sicilia Se si mettono insieme più forze si aumentano le possibilità di successo”.
E per diffondere la conoscenza della variegata realtà siciliana, il Consorzio Doc Sicilia ha avviato un piano promozionale concentrato negli Stati Uniti da 1,5niilioni. Mentre 14 aziende che fanno riferimento alla Pro.Vi. Di. Sicilia hanno appena annunciato che investiranno, nel triennio 2015/2017, 46 milioni di euro per la promozione in Cina. Il progetto conta sui contributi Ocm (Organizzazione comune dei mercati agricoli) che la Regione Siciliana e l’Unione europea cofinanziano.
“Condivido la scelta di puntare sugli Usa - dice Diego Cusumano, dell’omonima cantina palermitana -. Meglio concentrarsi su un grande mercato che disperdere i fondi in mille rivoli e in Paesi meno promettenti. Quanto alla mia azienda, nel primo trimestre cresce dell’8%,come nel 2014. Sui mercati internazionali raccogliamo i frutti di anni
di investimenti la Sicilia ha saputo dare valore al
brand e a un buon rapporto qualità-prezzo. La crisi può trasformarsi in un’opportunità di crescita”. Cusumano sta investendo quattro milioni, acquisendo aree intorno all’Etna “Abbiamo 18 ettari spiega - ma vogliamo arrivare a 30”.
Anche Duca di Salaparuta si è rafforzato. “Con un investimento di 36 milioni dal 2001, dopo l’acquisizione da parte del gruppo ILLVA Saronno - spiega il direttore generale, Filippo Cesarini Sforza -, abbiamo aggiornato le cantine, acquisito nuove tenute e sviluppato l’enoturismo che porta nelle sole cantine Florio 50mila visitatori all’anno. il 30% degli 11 milioni di bottiglie prodotte all’anno (con i brand Duca di Salaparuta, Corvo e Florio) è destinato all’export. Una quota in aumento”.
E all’estero sale la considerazione dei vini siciliani. La “Bibbia” del vino “Winespectator” ha dedicato all’isola la copertina del numero di ottobre 2014 descrivendo un “rinascimento spinto dalla passione e dalla determinazione”, seguita aruota da“Wine enthusiast”, che ha titolato ad aprile “Il futuro radioso della Sicilia”. Inoltre, due etichette
isolane sono state inserite nella Top 100 mondiale
di“Winespectator” (che sta al vino come vincere
un Oscar sta al cinema): Firriato Santagostino Baglio Sorìa rosso 2011 (una riconferma per l’iconica cantina ecosostembile della famiglia Firriato) ed Etna rosso 2012 Tenute delle terre nere, dell’importatore americano Marc de Grazia. Bottiglie proposte sul mercato americano a 22 dollari, citate in classifica assieme ai grandi vini francesi e californiani (della Napa valley e della Sonoma county) da oltre 100 dollari.
In primo piano anche i big storici come Planeta, Duca di Salaparuta, Tasca d’Almerita, Rapitalà e la cantina regina del Marsala Marco De Bartoli (ora portata avanti dai figli, che stanno puntando anche su altri vini e persino su un metodo classico da uve Grillo). Punteggi elevati nelle degustazioni anche ai bianchi e ai rossi di Cos (acronimo dei cognomi dei proprietari Cilia-Occhipinti-Strano),ai vini dell’Etna di Ciro Biondi e di Benanti e al Cerasuolo dell’emergente Arianna Occhipinti, due volte star sul “NewYorkTimes” (che ha elogiato anche il Nero d’Avola della cooperativa Centopassi, da terre confiscate alla mafia). In questo quadro, non poteva mancare una forte presenza dei calici siciliani all’Expo 2015 in corso a Milano.A partire da Cantine Settesoli, la cooperativa di 2mila viticoltori su 6mila ettari di terre, con 25 milioni di bottiglie vendute (Il 70% delle quali all’estero). La maggiore azienda vitivinicola siciliana, che si definisce il più grande vigneto d’Europa ed è forte dei brand Settesoli e Mandrarossa, è presente non solo nel padiglione “Vino - A Taste of Italy”(con altre 3 aziende siciliane), ma anche nel cluster Bio-Mediterraneo, all’interno di “The Waterstone” di Intesa Sanpaolo e nella Premium lounge del padiglione di Alitalia Etihad.
Anche Planeta, cinque cantine in tutta la Sicilia e una quota export al 55%, è all’esposizione universale in più padiglioni (fra cui lo spazio Eataly dedicato alla Italian signature wine academy). In degustazione all’Expo anche i vini ditte colossi del Nord scesi in Sicilia: quelli del Feudo Arancio di Mezzacorona, del Feudo Principi di Butera della Casa vinicola Zonin e della Tenuta Rapitalà del Gruppo italiano vini. Fra gli “autoctoni” siciliani, invece, spiccano quelli di Valle dell’Acate, cantina gestita da Gaetana Jacono e Francesco Ferreri (il presidente di Assovini), “degustati fra tanti consensi”, riferisce la contitolare. Tutti pazzi, in Italia e all’estero, per i vini siciliani.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli