02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Fondi Ue, 31 milioni a 18 aziende ... Il solleone porta una pioggia di 30,6 milioni di incentivi su 18 progetti per il sostegno del settore vinicolo.
I fondi Ocm vino per la promozione nei Paesi terzi stanziano circa 100 milioni l’anno per un triennio, di cui il 30% destinato a progetti nazionali, gestiti dal ministero delle Politiche agricole, e il restante 70% direttamente dalle Regioni.
La graduatoria nazionale dei fondi comunitari 2016/17 “Ocm vino. Promozione sui mercati dei Paesi terzi” ha riconosciuto al progetto di Vinitaly International “Italian wine channel” (con la consulenza di Business Strategies) il primo posto e un contributo di 1,7 milioni su un costo complessivo di 3,48 milioni.
Sul podio insieme a Vinitaly International ci sono i progetti “Divine wines” del Consorzio Experience Italy, con il riconoscimento di un contributo di 1,93 milioni su un importo di 3,94 milioni, e di “Extraordinary wines” del Consorzio Italian Essence, sostenuto con 1,98 milioni su 4 milioni totali. “Per noi è un debutto nel coordinamento della promozione extra Ue, con un’iniziativa che coinvolge 73 aziende di 13 regioni - osserva Giovanni Mantovani, dg di Veronafiere - “Italian wine channel” è lo sviluppo naturale di Vinitaly 2015 e 2016 e prevede un focus fortissimo su Cina e Hong Kong. Sono previsti sia eventi business lo business come quello di Chengdu sia per il consumer, come lo Shanghai wine & dine festival”, di cui la prossima edizione è in programma per il 23-25 settembre. Vinitaly International si è peraltro assunto il compito di guidare le piccole aziende vinicole nel complicato mondo dell’ecommerce.
Aldilà della graduatoria, i maggiori beneficiari sono l’Istituto italiano del vino Grandi marchi che si aggiudica, con due progetti (Italian wine tour 4 e 5) ben 5 milioni mentre Confagri Promotion, sempre con due progetti (Top italian wines), è beneficiaria di circa 4 milioni. Tra gli esclusi eccellenti ci sono Santa Margherita (il progetto chiedeva 6,1 milioni) e Italia del vino consorzio (5,1 milioni con due progetti). Questi progetti, pur ritenuti ammissibili, sono rimasti a secco, privi di fondi.
Tra i progetti che hanno ricevuto i maggiori contributi Ue, figurano “Winetastic” di H2no Rete d’impresa (1,3 milioni su 2,8 di importo complessivo), “Promozione del vino sul mercato delle Americhe” di Enonè Rete d’impresa (1,44 milioni su 2,94), “No export, no party” di Vassallo Delfino (1,26 milioni su 2,6), “Cavit the wine in America” di Cavit (1,8 milioni su 4), “Italian wine wave” della Società agricola Valiano (627mila euro su 1,25 milioni). Quanto alle Regioni, le prime quattro hanno pubblicato le graduatorie: secondo il sito specializzato WineNews (diretto da Alessandro Regoli), sono la Toscana, che ha assegnato 8,32 milioni a 34 progetti; la Sicilia, con un budget complessivo di 6,5 milioni divisi in 24 tra aziende, consorzi e associazioni temporanee d’impresa; il Lazio che finanzierà 9 progetti con circa un milione, oltre ad un progetto multi regionale con l’Abruzzo; il Friuli che ha riconosciuto 3,3 milioni a 9 progetti regionali e 4 progetti multi regionali (con Piemonte, Veneto, Puglia e Abruzzo), per 350mila euro.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli