02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdi' Di Repubblica

La bottiglia - Un rosso veneto per brindare a Dante: il vino igt di una dinastia di viticoltori della Valpolicella, discendenti del Sommo Poeta ... Non si trovano solo in Toscana le aziende vinicole con secoli di storia alle spalle. La Serego Alighieri data dal 1353, e per qualcosa la Toscana c’entra. Fu infatti Pietro, figlio del Sommo Poeta, a inaugurare la dinastia di coltivatori che continua ancora a operare nella zona della Valpolicella, a Gargagnago. Dopo decine di generazioni, c’è addirittura un clone di Molinara (varietà classica nelle Doc rosse locali) che porta il nome della famiglia. Un’altra ideale dedica a Dante, l’impianto dell’uva toscana più rappresentativa, il Sangiovese, che viene usato, pur se in minima parte, in questo Possessioni Rosso. Che è prodotto in collaborazione con la Masi Agricola.
E’ un vino a Igt (Indicazione geografica tipica) perché la composizione prevede, oltre a Corvina, Molinara e Rondinella, la presenza di piccole quantità di Merlot (conferisce morbidezza) e Sangiovese (dà una mano alla struttura). Ecco la vendemmia 2001 nel bicchiere: colore rubino vino, profumi di buona intensità, di frutti rossi e neri, con note spiccate di marasche (l’affinamento avviene in fusti di ciliegio) e sapore fine e ampio, con apprezzabile persistenza. Sui 10 euro.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli