02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdi' Di Repubblica

Le giovani promesse maremmane badano anche all’etichetta ... Dietro il profumato vermentino dl Sada c’è un’azienda, fondata nel 2002, da una coppia che ama la natura e l’arte... Belle etichette d’artista per i vini di Sada, da vigneti di pochi compleanni (dal 2002) e solide promesse. Sono due rossi e un bianco, per ora, nati da un progetto di Davide e Cristina Sada. Lui, ex patron della Simmenthal, attirato da un lavoro che ha come partner la natura, e lei, grande sensibilità per l’arte, per vivere in campagna hanno scelto la Costa degli Etruschi. Consulente privilegiato, Maurizio Castelli. Si sa che sulla costa toscana i vitigni francesi offrono grandi prestazioni. Abbiamo assaggiato e ammirato il Carpoli (blend di Cabernet Sauvignon e Franc e Petit Verdot, un anno di affinamento in barrique) e il Sada Igt Toscano (che riunisce Cabernet Sauvignon, Alicante e Montepulciano in uno schietto sorso di Alta Maremma). Ma in questa stagione viva il Vermentino, che ha in etichetta, a ricordo del passato, la Corona ferrea simbolo di Monza. È invitante, chiaro e fragrante con echi di frutta tropicale, sfumature minerali e un pizzico di salinità. A Milano da Ronchi, a Bolgheri (Livorno) da Tognoni, sui 10 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli