02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il VenerdÌ Di Repubblica

La bottiglia ... L’Aglianico che non ha bisogno di dire: in bocca al lupo... In Puglia Antinori produce un’eccellente versione del nobile vitigno diffuso in tutto il Sud... Considerato da sempre il vitigno a bacca rossa più nobile del nostro Sud, l’Aglianico si esibisce in molte Doc e Docg di Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Molise. Questo Bocca di lupo è un Castel del Monte Doc. Lo fa Tormaresca, azienda creata nel 1998 da Piero Antinori con la lungimiranza che deriva dalla plurisecolare esperienza di una famiglia di nobili “vinattieri”. Due grandi tenute: Bocca di lupo (130 ettari) a Minervino Murge e Masseria Maìme (350) in Salento. Grande rispetto per la terra acquisita: vitigni autoctoni e allevamento delle piante sia ad alberello che a spalliera, cantine di ultima generazione costruite con materiali locali (cotto di Venosa, tufo, pietra di Minervino). I risultati si vedono. Il Bocca di lupo 2006, da uve in leggera surmaturazione, affinate 15 mesi in barrique di rovere francese e ungherese e 12 mesi in vetro, è una bella espressione di Aglianico: intensi il colore e i profumi (frutti piccoli, rossi e neri, e spezie dolci), al palato è pieno, profondo, di aristocratica imponenza. A Milano da Radrizzani, a Roma da Bomprezzi, a Bari da Vinarius De Pasquale sui 20-24 euro.

Bocca di lupo 2006

Tormaresca

Minervino Murge (Bari).

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli