02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdi' Di Repubblica

Le antiche vendemmie rivivono nel ricordo. E anche nel bicchiere ... Per entrare in questa pagina un vino deve piacerci. Ma ci sono tante sfumature. Questo Neostos, bianco di Calabria da uve Pecorello in purezza, ci ha entusiasmato. Ha il timbro del Sud unito a un’eleganza francese. Sarà che i tre soci che nel 2008 sulle pendici della Sua hanno fondato Spiriti ebbri (Pierpaolo Greco, Damiano Mele e Nicola Scrivano) hanno due numi tutelari: Sua Nasità Gino Veronelli e il patriarca di Borgogna Henri Jayer. Che diceva: “Per fare il vino c’è bisogno d’istinto e di cuore, e in più c’è bisogno di una filosofia. li vino non è una semplice bevanda, è un piacere”. Dopo l’entusiasmo, la sorpresa: i tre soci fanno volentieri a meno dell’enologo, tutti hanno un altro lavoro ma li ha riportati alla terra il ricordo di vendemmie coi padri o coi nonni. Di qui il nome Neostos che innesta il nuovo sul ritorno (nostos in greco). Oltre al bianco, che dà una Piedigrotta di sensazioni, dalla tropicalità alla mineralità, prodotti un rosato e due rossi (monumentale l’Appianum). In tutto, 5mila bottiglie, diffusione limitata. Se siete in Calabria, non perdetele. A Soverato (Catanzaro) da Corapi, a Tropea (Vibo Valentia) da Lorenzo, 11-13 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli