02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ECONOMIA

Invitalia, contratto di “Contratto di Sviluppo” da 23,4 milioni di euro per Mondodelvino

Finanzierà un piano di crescita della capacità produttiva del 141%, e l’assunzione di 21 nuovi addetti
INVITALIA, MONDODELVINO, vino, Italia
Invitalia, contratto di “Contratto di Sviluppo” da 23,4 milioni di euro per Mondodelvino

Il vino è uno dei settori di eccellenza dell’economia made in Italy, ed anche le istituzioni continuano ad investirci, supportando le aziende che ne sono leader. Come fatto da Invitalia, società controllata dal Ministero dell’Economia, che ha approvato il “Contratto di Sviluppo” da 23,4 milioni di euro, presentato da Mgm Mondo del vino, che prevede, tra le altre cose, un incremento occupazionale di 21 nuovi addetti. “L’azienda - spiega una nota di Invitalia - è detenuta al 93,15% dalla società Venere Spa, controllata dall’azionista di riferimento Fondo Clessidra Spa Sgr, ed al 6,85% dalla famiglia Martini, che è stata co-fondatrice nel 1991 della grande impresa attiva nella produzione, imbottigliamento e vendita di vini e spumanti”.
L’approvazione arriva dopo un accordo di sviluppo siglato tra Ministero dello sviluppo economico, Invitalia e azienda per lo stanziamento delle risorse. Invitalia, attraverso il “Contratto di sviluppo”, spiega ancora la nota, sostiene il progetto del valore di 23,4 milioni di euro con un contributo a fondo perduto di 8,8 milioni messi a disposizione dal Mise. Il piano di investimenti, già avviato, si completerà a dicembre del 2024 per andare a regime nel 2025. L’aumento della capacità produttiva è stimato a +141%.
Il programma di sviluppo, in particolare, prevede l’ampliamento di due unità produttive esistenti. A Priocca (Cuneo), dove il core business è la produzione e commercializzazione di vini di qualità da destinare principalmente all’export. Gli investimenti sono finalizzati all’ampliamento della capacità produttiva, mediante l’ampliamento della cantina e degli impianti connessi alle fasi di affinamento dei vini e del successivo loro imbottigliamento. E ad Acqui Terme (Alessandria), dove il core business è la produzione e commercializzazione di vini spumanti e frizzanti. Gli investimenti sono finalizzati all’ampliamento della capacità produttiva di vino spumante, mediante l’acquisto dello stabilimento, la realizzazione di una nuova cantina di spumantizzazione e di un nuovo magazzino prodotti.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli