02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

L'espresso

Benessere in barrique ... Tutto ebbe inizio in un giorno di vendemmia, tra i vitigni di Chateau Smith Haut Lafitte, nei dintorni di Bordeaux. Mentre il mosto saturava l’aria, rendendola densa e zuccherina, Mathilde e Bertrand Thomas intuirono i benefici per la pelle di acini, graspi, vinacce, estratti di vite rossa. Nel 1999, nasceva la prima Spa Vinotherapie di Caudalie: il marchio di benessere che prende il nome dall’unità di misura della persistenza di un sorso di vino in bocca (ogni secondo, cioè, corrisponde a una caudalie).
Dai filari dei cru francesi. Dove oggi sorge Les Sources de Caudalie (premiata nel 2006 come migliore resort spa). Il marchio ha esteso la sua presenza in altri luoghi: dalla spa parigina dell’Hotel Meurice al Relais San Maurizio a Santo Stefano Belbo, vicino Cuneo dal Kenwood Inn in California al centro benessere di Elciego, piccola località tra i vigneti della Rioja, a Bilbao.
A rendere inconfondibili questi templi del benessere, dove bain barrique, bain à la vigne rouge, gommages ai caberner o ai merlot sono ormai dei must, gli interni curati dall’architetto Yves Collet, dello studio Collet & Burger di Parigi.
Pareti scarlatte, legno e pietra che si sposano con le architetture dei luoghi in cui sono incastonati: come l’Hotel Marqués de Riscal di Elciego, in pietra, vetro e titanio, ispirato a una “bailadora de flamenco”, con la firma di Frank O. Gehry. È l’ultima sfida è l’annunciata apertura, a novembre, all’interno del Plaza di New York, iperbolica ristrutturazione ricavata dallo storico Hotel Plaza (dove un attico è stato venduto a 50 milioni di dollari). Vista su Central Park. E condomini vip assicurati.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli