02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

L'espresso

Carattere mediterraneo ... Quando si dice il dono della sintesi. Il vitigno più tipico della Penisola salentina è il Negroamaro, e l’etimo è in pratica uno dei più efficaci riassunti di ampelografia (la
scienza che studia i vitigni) applicata alla storia. Negro dal latino Nigrum, nero, e maro dal greco mavros, ancora nero. Nero e nero, allora, con assieme la storia di una terra di confine approdo per i greci prima e poi trampolino per l’oriente dei romani. Vitigno di buccia spessa e scura, il Negroamaro ha saputo farsi vino tra i più significativi del Meridione quando ha ancora più enfatizzato il suo carattere mediterraneo con la pratica dell’appassimento in pianta (sovramaturazione) o su graticci, con una pratica naturale di disidratazione, di concentrazione simile a quella dell’Amarone. Veri e propri vessilli di questa terra e queste istanze il Patriglione di Taurino (Guagnano, 0832.706940) e Il Graticciaia delle sorelle Vallone (Lecce, 0832.308041), vini che all’esuberanza alcolica oppongono trama tannica e nerbo sapido, per sorsi tra i più complessi, maturi, solari e appaganti del Sud.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli