02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

L'espresso

Prezioso Rosé ... Le prime bottiglie di Dom Pérignon Rosé, create nel 1959, si bevvero nel 1971, quando 863 magnum furono stappati per il 2500° anniversario dell’impero persiano. Iniziò così la storia di questo vino prezioso. Arriveranno sul mercato due altre edizioni limitate: prima il Rosé 2000 e, a maggio, il Rosé Oenothèque 1990, il primo a meritare la qualifica di Oenothèque riservata ai millesimi eccezionali, da consumare dopo prolungato affinamento nelle cantine di Epernay. Per l’occasione è sceso a Milano Richard Geoffroy, maître de cave e ormai celeberrimo “autore”, dal 1996, di tutte le cuvée di Dom Pérignon. Due vini di classe superiore, molto diversi fra loro: grande freschezza, note di frutti rossi e di agrumi, colore rosa profondo per il 2000; maggior complessità e pienezza, note di frutti esotici e di spezie leggere, colore rosa tendente all’ambra, per il 1990. Perfetti senza cibo, straordinari negli abbinamenti con piatti di cucina orientale. Misterioso il numero di bottiglie; noti e scoraggianti i prezzi: sui 300 euro il Rosé, da 800 l’Oenothèque.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su