02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
“IL VIGNETO RITROVATO”

La cantina dell’Asolo Montello Montelvini riporta in vita un vigneto-giardino di Venegazzù

Il progetto, “Il vigneto ritrovato”, coinvolge un team multidisciplinare di professionisti. Nel 2022 nasceranno le prime bottiglie di extra brut

Un’antica vigna abbandonata nel centro storico di Venegazzù, nel trevigiano, impiantata nel 1960, e poi andata “perduta”. Finché, nel 2017, la cantina Montelvini, storica griffe dell’Asolo Montello, ha deciso di dare vita al progetto “Il vigneto ritrovato”, parte del concept ancora più grande di legame tra la cantina e il territorio, “Alleati in vigna”: oggi il vigneto-giardino viene seguito da un team multidisciplinare di professionisti composto da architetti, specialisti del paesaggio, docenti universitari, storici, istituzioni comunali, esperti di viticoltura, nel rispetto del delicato equilibrio tra azioni umane e ambiente. E che certamente ha anche i suoi “scopi” pratici: nel 2022 saranno presentate le prime bottiglie di extra brut ottenuto proprio dall’uva coltivata nel prezioso giardino urbano riscoperto. Vino, che racconterà l’attesa, la cura e la dedizione messa in atto dalla Cantina e dai suoi “alleati” per produrre qualcosa di unico, che avrà anche il sapore della storia.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli