02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

LA CASTAGNA DEL MONTE AMIATA IGP ANCORA PIU’ TUTELATA. L’UNIONE EUROPE APPROVA LE MODIFICHE AL DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. LE MODIFICHE INTERESSANO LA ZONA GEOGRAFICA DEL “CASTANETUM” DEL MONTE AMIATA

La Commissione Europea ha approvato le modifiche al disciplinare di produzione della Igp Castagna del Monte Amiata, pubblicate oggi sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea.

Le modifiche riguardano la zona geografica (sono da considerarsi idonee le fustaie di castagne da frutto site nella zona fitoclimatica del “Castanetum” del Monte Amiata, ubicate nella fascia compresa tra i 350 e i 1000 metri di altezza, coltivate in terreni derivanti in massima parte da rocce vulcaniche e arenacee e comunque a prevalente o abbondante componente silicea). Questa modifica è stata necessaria al fine di evitare che gran parte dei terreni della zona di produzione interessata fossero esclusi dalla coltivazione.

La Castagna del Monte Amiata Igp designa le castagne riferibili alle varietà correntemente conosciute come: Marrone, Bastarda Rossa, Cecio. Il sapore è delicato e dolce. La zona di produzione della Castagna del Monte Amiata comprende i comuni di Arcidosso, Casteldelpiano, Santa Fiora, Seggiano, Cinigiano e Roccalbegna in provincia di Grosseto e i comuni di Castiglione d’Orcia, Abbadia San Salvatore e Piancastagnaio, in provincia di Siena. Fin dal XIV secolo negli Statuti delle Comunità dell’Amiata si registrano precise norme per la salvaguardia e lo sfruttamento della risorsa “castagno”, in merito sia alla raccolta dei frutti sia alla raccolta del legname da opera o a scopo energetico.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli