02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PROMOZIONE

La conquista del mercato Usa dell’Oltrepò Pavese inizia dagli Eataly di New York

Per un mese i vini lombardi protagonisti sugli scaffali, gli e-commerce e i profili social di Eataly New York e Eataly Wine NY

Lo dicono i numeri, lo suggerisce il buonsenso: il percorso di crescita di qualunque territorio del vino italiano passa, necessariamente, per il mercato Usa, primo per consumi e per valore delle importazioni, e meta privilegiata delle nostre produzioni enoiche, come confermano i dati Istat dei primi sei mesi del 2021, in cui le spedizioni di vino dall’Italia Oltreoceano hanno toccato gli 859 milioni di euro, in crescita del +18,6% sullo stesso periodo del 2020. La conferma, ennesima, della centralità degli Stati Uniti, da cui riparte la promozione di tante aziende e tanti consorzi, compreso l’Oltrepò Pavese, cuore produttivo della Lombardia con 13.000 ettari a denominazione e terza area produttiva mondiale del Pinot Nero, che va all in su New York, attraverso un accordo con Eataly New York e con Eataly Wine NY, tempi dell’enogastronomia made in Italy capaci di accogliere, ogni anno, milioni di visitatori, una platea di appassionati e big spender, pronti a scoprire le peculiarità e la ricchezza dell’Oltrepò Pavese e dei suoi vini. Che, per un mese intero, saranno protagonisti di una grande operazione di comunicazione che rimbalza dagli stores al web, dallo scaffale all’e-commerce di Eataly passando per i canali social della catena fondata da Oscar Farinetti. Quella di New York, però, non è che la prima tappa della campagna americana dei vini lombardi, che, nelle prossime settimane, saranno, a Los Angeles, con il “Gambero Rosso”.
“Abbiamo fatto un accordo importante ed entusiasmante - spiega il direttore del Consorzio, Carlo Veronese - e siamo molto contenti anche se sarebbe stato bello essere lì a vivere questa grande atmosfera della ripartenza. In una città speciale come New York tutto si evolve e si trasforma in fretta. E siamo sicuri che sia e sarà un successo. Grazie anche alla nostra brand ambassador Susannah Gold che conosce bene il valore dei nostri vini e sa come comunicarlo a questo pubblico molto attento e pronto a recepire tutta la qualità e le novità del nostro mondo del vino”.
Gilda Fugazza, presidente del Consorzio Vini Oltrepò Pavese, fissa, quindi, gli obiettivi promozionali a breve termine: “Siamo concentrati e spediti sulla strada della ripartenza di qualità, della tutela del made in Italy, e della promozione della biodiversità della nostra terra, che il mondo non solo ci invidia ma apprezza, come sta accadendo in questi giorni, a Milano, con le degustazioni del fuorisalone di Miart con Ascovilo e Grana Padano, un marchio mondiale guarda caso molto presente anche Eataly NY. Nella Grande Mela, dall’altra parte del mondo, sapere che si sta parlando la lingua del gusto delle Denominazioni d’Oltrepò Pavese è un motivo di vanto. Siamo nei grandi store di Eataly e nell’interessantissimo Eataly Wine. Il nostro è un “Oltrepò Divino”, sempre più sostenibile ed internazionale e lo vogliamo promuovere al massimo, con meritato orgoglio”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli