02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Grandi bottiglie a piccoli prezzi ... Quel Lambrusco che vuote fare lo Champagne ... Sorbara, sulle rive del Secchia, borgo di 4mila anime, noto per la vittoria delle truppe di Matilde di Canossa il 2 luglio 1084 sui vescovi alleati di Enrico IV nella Lotta per le investiture, si accende oggi di una sfida enologica. In campo due sperimentatori, Alberto Paltrinieri e Christian Bellei, impegnati a fare bollicine col metodo classico, utilizzando il più acido e scontroso dei lambruschi modenesi, il Sorbara Christian e cresciuto imparando l’arte spumantistica dal padre Giuseppe, che negli anni Ottanta cambio la storia del lambrusco per inseguire un sogno rivisitare il più umile dei vini italiani in chiave “metodo classico” da “figlio di bottega” Christian si e fatto padrone, rimettendo a nuovo l’antica cantina di famiglia di Bomporto. Dal 2010 Cantina della Volta ripropone un sogno, fare del lambrusco io champagne dell’Emilia. Gamma ridotta: il succoso e profumato Rimosso, un Sorbara fermentato in bottiglia; le bollicine bianche del Mattaglio e l’ultimo nato, il Rosè. Ma qui proponiamo il cavallo di razza, il Lambrusco Spumante da uve Sorbara coltivate nei terreni alluvionali del Secchia Un bicchiere fine e tagliente, dal naso invadente di fragoline di bosco, dalla bocca magra e freschissima In enoteca sui 13 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli