02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Pignoletto spumante o frizzante Un brioso compagno delle vacanze ... Nuova vita per un antico vitigno declinato in differenti versioni ... Destinato ad avere successo, Si potrebbe definire così il Pignoletto Spumante, evoluzione di un vino che da sempre connota l’identità enologica dei colli dell’Emilia. Ma serviva un modo nuovo d’interpretarlo, serviva dargli più personalità, più bevibilità. Serviva una veste briosa. “È un progetto - spiega Lucio Gilli direttore marketing delle cantine Righi - al quale abbiamo lavorato per anni prima curando i vigneti in modo da ottenere uve mature e sanissime, ma con il giusto grado di acidità per passare dalla tipologia frizzante allo spumante. Poi in cantina applicando tecniche di vinificazione che ci consentissero da una parte di avere un’ottima presa di spuma e dell’altra di non mortificare il bouquet fruttato e il gusto decisamente ammandoralato del Pignoletto”. L’uovo di Colombo è stato adottare un metodi di spumantizzazione che lascia inalterata la fragranza dell’uva: è lo Charmat breve (o se preferite il metodo Martinotti, tanto per stare in Italia visto che il Pignoletto è un re degli autoctoni). CHE Significa rifermentare in autoclave i vini per circa tre mesi. Così è nato il Pignoletto Brut, commercializzato nella linea top della Cantina Righi con l’etichetta Reno Spumante brut. Il successo del vino è stato immediato: già la scorsa estate il Pignoletto Spumante della Cantina Righi è stato un must dei brindisi in spiaggia e quest’anno è diventato la colonna enoica delle vacanze degli italiani. Alla degustazione il Pignoletto Brut si presenta con note di ananas e frutta tropicale al naso e leggere sfumature di fiori bianchi, la spuma è esuberante, cremosa, quasi croccante. Al palato questo vino si conferma armonico, morbido ma di ottima freschezza grazie all’acidità di base e soprattutto è molto persistente con incantevoli ritorni di mandorla amara. Perfetto come aperitivo, ideale nell’abbinamento con grigliate di pesce e frutti di mare, è un vino da tutto pasto. Del resto da anni le Cantine Righi - che hanno una storia spumantistica di grandissimo rilievo visti i successi ottenuti con il Lambrusco nelle sue diverse tipologie e declinazioni - esaltano il Pignoletto. Lo conferma Lucio Gilli: “Il Pignoletto è un antico vitigno ma noi di Righi da anni lo offriamo ai consumatori in una veste nuova. Non temo di dire che è stato una scoperta per molti. Con il marchio Righi Io proponiamo sia nella versione frizzante ( con il grande traguardo di oltre 1.000.000 di bottiglie) sia nella versione spumantizzata attraverso il metodo Charmat che lo trasforma in un intrigante e piacevole spumante adatto a tutte le occasioni”.


Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli